Una dedica importante.

4 comments
Paesaggio, Luna, Tramonto, Stato D'Animo, Natura



Avevo un amico. 
Da tempo ha raggiunto il Cielo dei Cieli.
Era un Sacerdote e si chiamava Antonio.
La nostra amicizia è iniziata con una telefonata.
"Come sta?"
"Così"
"Posso venire a trovarla?"
"Certamente!"

Mi ha regalato un libro, non importa il titolo, me ne ha regalati tanti.... è importante la frase sul frontespizio:

Erano deboli, e d'uomini deboli
Dio aveva costruito la Chiesa.
Ed era proprio questo
il lato meraviglioso della Chiesa:
che lo Spirito Santo riuscisse 
a tenerla insieme, quando Dio
l'aveva costruita d'uomini così deboli.
E quando gli uomini deboli
stavano ai Suoi altari,
Dio cingeva sempre la Chiesa
con le braccia
perchè non avesse a disgregarsi.

Bruce Marshall
A ogni uomo un soldo


Tutto il mio "fare" diventa gloria di Dio, è gloria di Dio, se  ho fede, perchè il Signore non guarda i miei peccati, diciamo sempre nella Messa, e io lo ripeto ad alta voce lentamente:
"Signore, non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della Tua Chiesa, guarda la nostra fede".


"Credi tu?"
"Sì, Signore".

Dio non guarda i miei peccati, guarda alla fede e a come io incarno questa fede.
Sbaglio, tradisco, riprendo la strada con fatica, magari, ma mi rialzo sempre. 
Merito Suo e del Suo amore. Per me, per tutti.

Ricordo il miracolo del paralitico che è stato guarito e chiede al Signore di andare con Lui e Lui ha detto:
"No, no! Tu va' e annuncia, testimonia quello che ti è stato dato."

Oggi pomeriggio ho vissuto nel silenzio l'adorazione al Santissimo e poi, lemme lemme me ne sono tornata a casa.
 Guardando il Corpo di Cristo, là solo, perchè io lo adorassi ho ripensato  che:
abbandonarsi a Cristo vuol dire sperimentare le Sue dimensioni, la prima delle quali è che Cristo è la realtà che spiega tutto.
Sperimentare la seconda dimensione di Cristo significa rendersi conto che l'essere cristiano significa convivere e condividere.
La terza dimensione significa rendersi conto che debbo condividere la seconda dimensione senza misura.

 Ho ripensato anche al Vangelo di oggi che  ripropone  l'esempio di Gesù "giogo leggero" a cui affidare tutte le nostre fatiche. 
"Signore, lo sai,  non sono nè mite, nè umile di cuore, ma abbracciami perchè so che hai un un disegno su di me e aiutami a scoprirne il senso perchè io Ti trovi in ogni cosa".

Gabbiani, Porto, Bird, Mare, Acqua

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

4 commenti:

  1. Cara Lucia, credo che il tuo racconto sia quel racconto che tutti vorremo sempre sentire!!!
    Ciao e buona serata, con un abbraccio forte e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Caro Tomaso, grazie e buona notte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo a La-rissa. I commentatori del mio blog. sono miei amici. per questo i tuoi commenti su di loro non sono graditi.

      Elimina
    2. Da questo momento rimetto la moderazione.

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o