Sotto la pioggia (Tracce)

5 comments


Primi di aprile. Un cielo di piombo, carico d'acqua. Letizia allaccia la felpa ad Agnese. Escono per una breve incontro. Dopo pochi passi scendono le prime gocce. Letizia allunga il passo. Agnese in braccio pesa un po'. "Aveva ragione la mamma di prendere l'ombrello" Ecco proprio la mamma le aveva chiesto aiuto per delle commissioni da fare. Semaforo rosso. In attesa del verde, Letizia è persa nei suoi problemi. Non si accorge del signore che le si avvicina. "Scusi posso?" Senza aspettare la risposta allunga l'ombrello per ripararle dall'acqua sempre più fitta. "Grazie". E lui "Come si chiama questa bimba?". "Agnese". "La mia nipotina Matilde. E' nata da pochi mesi. Ha una malattia rara. Oggi la operano per fare in modo che possa stare seduta". Scatta il verde. Attraversano. L'uomo la saluta e se ne va.
E' un attimo. I dubbi, i programmi...sparisce tutto. Anzi cambia tutto. Acceso da altre domande che riaffiorano:"Quanto è grande il dramma dell'uomo? Che sproporzione c'è tra il nostro desiderio di felicità e la finitezza delle cose?".
Solo Dio risponde al dramma dell'uomo. In modo misterioso, ma risponde.
Letizia, camminando rasente ai muri, va all'incontro con la sua mamma, dicendo tra sè un'Ave Maria per quella bambina. "Per chiedere un miracolo". E non restare tranquilla.
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

5 commenti:

  1. Una bella storia che ci unisce nel cuore di Maria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maria, la Vergine Santa, ci è sempre vicina e cara.Buonagiornata Ricc.

      Elimina
  2. Si, sono certa che solo Dio risponde al dramma dell'uomo. Le risposte ce le da sempre se lo lasciamo fare. Bacioni :)

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo con te, anche se ce ne accorgiamo solo quando umanamente non abbiamo strumenti per risolvere i nostri problemi. Dobbiamo educare i bambini a dire grazie a Dio per ogni cosa, perchè non vivano nello scontato.Ciao Lucia. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Saray e Anto: Ieri sera mi sono addormentata leggendo "Il senso della nascita" di Testori e Giussani. Molto interessante e adatto ai nostri cuori che conoscono il dolore. Ne posterò un brano. Abbracci cari a tutte e due e buona giornata.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o