La meraviglia delle parole

6 comments
La sonorità delle parole


Un disegno, una vignetta che ripete il verso, il suono che le nostre parole provocano se non cantate con armonia.
Perchè prima di essere le parole sono suono.

Anche Pascoli, nella raccolta Myricae con un "chiu" definisce il canto dell'assiolo
un uccello rapace che gli fa compagnia nelle notti insonni.

A noi persone dagli occhiali sul naso e dai capelli d'argento a volte sopperiamo alle parole con gesti che volano nell'aria, alla ricerca di quel suono che dà significato al nostro dire.

Non vi accade di rimanere affascinati dal suono di una parola di cui non ne conoscete il senso?

Vi presento la parola "princisbecco"!
Non l'ho inventata io, bensì un certo signor Collodi nel suo amato e famoso libro "Pinocchio"

Rimanere di "princisbecco" significa semplicemente "rimanere di stucco" cioè "stupirsi"

Pensate a me che con le braccia allargate guardo il mio nipotino e gli  dico  "Oh Francesco, non princisbeccarti davanti a questa torta!!!
Mi guarderebbe come se avesse visto una marziana!!!!

Anche il suono delle parole è importante.
Alla "scuola di dizione" (sì, ho frequentato un corso di dizione.....promossa a pieni voti! Sich!) bhè, alla scuola dovevamo, cercare le frasi che avremmo letto e accentarle come si sarebbero dovute pronunciare.

"O" aperta o "O" chiusa e via via così anche con le altre vocali.

Un racconto di Achille Campanile intitolato "La O larga"

"Un giovanotto sussurra una "porcheria" all'orecchio della contessa Mara, collaboratrice di un rotocalco su cui tiene una rubrica mondana intitolata "Sono tutta per voi", dopo aver ascoltato il giovanotto la contessa sviene.
La nobildonna aveva scritto "se avete un quesito da porci , rivolgetevi a me che sono qui per soddisfarvi".
Il giovanotto si giustifica: "Che posso io sapere, leggendo, se una vocale è stretta o larga? Ho letto "Una domanda da porci" e ho rivolto una domanda da ...... (ricordate che il racconto è di Achille Campanile e che io non tradisco la mia personalità presentandovela, anzi penso di farvi sorridere...almeno spero!)

A proposito del suono delle parole pensiamo alle omatopee, parole che cercano di imitare i rumori naturali.
Nelle prime stampe della poesia "Nozze" di Giovanni Pascoli, (1981) il linguaggio dell'usignuolo è così espresso:

zi zizi ziro ziro ziro ziro
zullulullullullulllli   !!!!




Potrei andare avanti a giocare con le parole, ma ritorno in me, al mio cuore,  mai stanco e donarvi uno spazio di serenità con un dialogo che sia veramente costruttivo.

Domani, oggi, è il 10 agosto, conosciuto ai più per la "notte delle stelle cadenti"
 Risultati immagini per immagine 10 agosto o creazione delle stelle

mentre sarà bello guardare il cielo, ammirate le stelle  come dono della Creazione di Dio.



Penso che dobbiamo ancora guardare a questo Cielo, per capire la portata della nostra fede che non può essere il solo motivo per aderire al cristianesimo, nè alla concezione che il cristianesimo stesso ha con la concezione dell'universo.
Cristo, e mi riferisco ai Vangeli, non era seguito dai discepoli o dalla moltitudine delle genti, per le discussioni che faceva, non era per le delucidazioni che dava, non era per il richiamo al Vecchio Testamento che faceva: era perchè costituiva una presenza carica di messaggio. 
E io so, e tutti noi che crediamo sappiamo, che il messaggio non è un discorso è una presenza, è una persona. 
Cristo E'.

Adesso E' qui con me. 
Ed è facile sorridere al giorno che sta già arrivando pensando che mi accompagnerà anche nel dolore che arriverà nelle ore future.
E' facile sorridere pensando di essere da Lui amata.

Santa Teresa del Bambin Gesù: “Gesù si è degnato di istruirmi in questo mistero. Egli ha messo davanti ai miei occhi il libro della natura ed io ho compreso che tutti i fiori che Egli ha creato sono belli, che la bellezza della rosa ed il candore del giglio nulla tolgono alla piccola violetta o alla semplicità della margherita. Ho compreso che se tutti i piccoli fiori volessero essere rose, la natura perderebbe la sua bellezza primaverile, i campi non sarebbero più smaltati di colori diversi. In realtà è nel mondo delle anime che è il giardino di Gesù. Egli ha voluto creare i grandi santi, che sono comparabili ai gigli ed alle rose; ma Egli ne ha creato anche di più piccoli e questi si devono accontentare di essere delle margherite e delle violette, destinate a rallegrare lo sguardo di Dio quando Egli lo abbassa ai suoi piedi. La perfezione consiste nel fare la Sua volontà, essere quello che Egli voleva che noi fossimo”.




Grazie mia Piccola Thèrése la tua fedele Lucia










Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

6 commenti:

  1. Cara Lucia, spesso le parole ci uniscono, ma ahimè succede che dividono pure!!!
    Ciao e buona giornata, anche se sta piovendo con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, nella mia vacanza il pc ha poco spazio e capita che in alcuni giorni non lo apro: di conseguenza non rispondo ai commenti. Mi perdoni?
      Ti ringrazio sempre e anch'io ti invio un abbraccio e un sorriso.

      Elimina
  2. E' un off topic, ma voglio parlarti di Aurora.
    Ho cambiato telefono e ho pregato la nipotina di copiarmi tutti gli indirizzi in rubrica che dovevo trasferire al telefono nuovo. Questa mattina chiamo la cantina di Tollo e la TIM mi dice che il numero è inesistente. Controllo e sgrido ( quasi urlando)mia nipote. Il biasimo dei genitori è puntuale. Il nonno è un cafone ( morale delle parole). Ad Aurora dico che non dovevo alzare la voce e mi scuso. La risposta della bambina è tremenda: "Nonno, io non mi sono offesa perché hai urlato, ma per le parole che hai detto. Io ho copiato i numeri e forse ho commesso qualche errore, ma ti ho fatto una cortesia nel fare quel lavoro. Dovevi farlo tu".
    Da grande diventerà un avvocato. La sua dialettica le permette di passare dal torto alla ragione.
    La mia risposta è stata perentoria: "Tu, quando prendi un impegno devi essere certa si saperlo svolgere. Questo è il favore. Tu hai pasticciato e mi hai fatto perdere tempo e incazzare come una bestia!".
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
  3. 110 e lode per Aurora! Ma quel lavoro non lo potevi fare insieme a lei? Tu dettavi e lei scriveva: non avreste sbagliato E poi quanti anni ha Aurora? Brava tesoro mio non farti mettere i piedi in testa da un nonno che fa la voce grossa con le donne!!! Aurora ma la paghetta non esiste a Pescara? Baci a tutti e due. Incornicerò questo commento come uno dei più belli e spontanei in assoluto. Ero depressa per la mia Elena e tu mi hai dato momenti di vita domestica
    talmente naturali che vi avrei abbracciato e baciato tutti e due. Buona serata. Lucia

    RispondiElimina
  4. Che bel post e dà tanti spunti di riflessione.
    Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa. Buona domenica a te e famiglia!

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...