momenti d'insonnia

4 comments

Immagine correlata
Penso di aver visto tutti i film di Bergman. Solo un piccolo accenno a "Luci d'inverno" 
Il sagrestano si rivolge al pastore che sta vivendo una profonda crisi di fede e gli ricorda la sofferenza di Cristo:
"Pensi ai Getzemani, signor pastore. Tutti i discepoli si erano addormentati. Non avevano capito nulla....ma non era ancora il peggio, signor pastore. Quando il Cristo fu inchiodato sulla Croce e vi rimase, tormentato dalle sofferenze, esclamò: Dio mio, Dio mio perchè mi hai abbandonato?"
Cristo fu colto da un grande dubbio nei momenti che precedettero la sua morte.
Dovette essere quella la più crudele delle sue sofferenze. Voglio dire: il silenzio di Dio.

Il dolore di Cristo facciamo presto a dimenticarlo, pensiamo ai nostri dolori, pensiamo a quanto siamo soli!
Alla luce della nostra fede il dolore di Cristo diventa segno d'amore supremo e di fraternità di Dio verso l'uomo.

Quando la mia casa diventa anch'essa silenziosa, la percorro in lunghezza, entro nelle stanze, ascolto le  miserie che hanno riempito la giornata, i nostri limiti, il nostro male. 

Cerco il libro di poesie di Ungharetti e ritrovo i versi illuminanti della famosa preghiera-poesia "Mio Fiume anche Tu" e ve la dedico.(raccolta "il dolore")


Mio fiume anche tu, Tevere fatale,
Ora che notte già turbata scorre;
Ora che persistente
E come a stento erotto dalla pietra
Un gemito d'agnelli si propaga
Smarrito per le strade esterrefatte;
Che di male l'attesa senza requie,
Il peggiore dei mali,
Che l'attesa di male imprevedibile
Intralcia animo e passi;
Che singhiozzi infiniti, a lungo rantoli
Agghiacciano le case tane incerte;
Ora che scorre notte già straziata,
Che ogni attimo spariscono di schianto
O temono l'offesa tanti segni
Giunti, quasi divine forme, a splendere
Per ascensione di millenni umani;
Ora che già sconvolta scorre notte,
E quanto un uomo può patire imparo;
Ora ora, mentre schiavo
Il mondo d'abissale pena soffoca;
Ora che insopportabile il tormento
Si sfrena tra i fratelli in ira a morte;
Ora che osano dire
Le mie blasfeme labbra:
"Cristo, pensoso palpito,
Perchè la Tua bontà
S'è tanto allontanata?"

Ora che pecorelle cogli agnelli
Si sbandano stupite e, per le strade
Che già furono urbane, si desolano;
Ora che prova un popolo
Dopo gli strappi dell'emigrazione,
La stolta iniquità
Delle deportazioni;
Ora che nelle fosse
Con fantasia ritorta
E mani spudorate
Dalle fattezze umane l'uomo lacera
L'immagine divina
E pietà in grido si contrae di pietra;
Ora che l'innocenza
Reclama almeno un eco,
E geme anche nel cuore più indurito;
Ora che sono vani gli altri gridi;
Vedo ora chiaro nella notte triste.

Vedo ora nella notte triste, imparo,
So che l'inferno s'apre sulla terra
Su misura di quanto
L'uomo si sottrae, folle,
Alla purezza della Tua passione.

Fa piaga nel Tuo cuore
La somma del dolore
Che va spargendo sulla terra l'uomo;
Il Tuo cuore è la sede appassionata
Dell'amore non vano.

Cristo, pensoso palpito,
Astro incarnato nell'umane tenebre,
Fratello che t'immoli
Perennemente per riedificare
Uamnamente l'uomo,
Santo, Santo che soffri,
Maestro e fratello e Dio che ci sai deboli,
Santo, Santo che soffri
Per liberare dalla morte i morti
E sorreggere noi infelici vivi,
D'un pianto solo mio non piango più,
Ecco, Ti chiamo, Santo,
Santo, Santo che soffri
.




Visualizzazione di 20170629_121045.jpg
Il cielo, malgrado i rami folti...non si nasconde (foto di Lucia)
Risultati immagini per Immagini speciali Mio fiume anche tu


Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

4 commenti:

  1. Cristo ha vissuto la sua esperienza da uomo per dimostrare che una fede immensa ti rende simile a Dio. Come uomo è stato tentato ma ha sempre accettato la volontà del Padre.
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
  2. Grazie Gus. Buonagiornata. Bacio

    RispondiElimina
  3. Carissima Lucia ogni tuo post dona serenità, leggerti è un piacere, sei una bellissima persona!!!
    Un forte abbraccio e buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
  4. Cara Lucia, ci penso sempre alle tue parole, e penso che bisogna sempre riflettere.
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...