Novara la città che non ho adottato.

1 comment



Quando  Paolo mi propose di trasferirci a Novara e lasciare Milano non ci pensai troppo. 
Non scelsi la città, scelsi di stare con mio marito. 
Posso solo dirvi che non mi sento novarese e ancora oggi rimpiango la città in cui ho vissuto fino all'età di 23 anni. 
Non sono in grado di parlarvi di Novara  con il cuore di un novarese, ma lo fa benissimo questo blog che ho visitato: Baciati dall'ansia.


"Fredda terra, dalla nebbia anche nelle sere d’agosto, le risaie e le montagne. Fredda tu hai reso freddi noi, che ti abitiamo tra i solchi delle tue colline, amanti di vino e delle montagne che ti dominano.

Quando torno, è la cupola di san Gaudenzio a farmi stringere il cuore, sono a casa. Anche se odio questo posto. Odio Novara tutta e le sue risaie popolate di aironi cinerini, le feste di paese d’estate con la musica del calcinculo che ti insegue in camera di notte fino a tardi, il liscio e la paniscia. La festa dell’Unità, una foto di noi con la maglia rossa, giovani e matti, ce ne scappavamo da lì con qualche bottiglia di Lupo Rosso e coi salami di fidighina sotto alle felpe. A una certa ora ci entrava il freddo della Meja vicina nelle ossa, tanto che avevamo finito col rinominarla “La festa dell’umidità“.Altre volte facevamo mattino con le carte sui tavolacci sparecchiati alla bell’e meglio, vai di briscola, vai di scopa. Il tributo a De André ogni anno, gli abbracci degli amici sulle panche, eravamo una cosa sola e nemmeno lo sapevamo.
Ma fredda, fredda terra, sapevo ci avresti contagiato.
La malinconia ferma di Vercelli d’inverno, gli anni d’università, l’amore da dimenticare e poi quello con cui risanarsi, piangere in silenzio nella basilica di sant’Andrea, un vecchio prete spazza a terra, mettendoti a disagio. E non vedi mai a un palmo dal naso, la nebbia ti è persino dentro.
Ma come faccio a raccontarti tutto questo, come? Che non capiresti, che non ne vedi il fascino che mi trattiene, forse desiderando che io non abbia radici. Ma questa è la mia terra, fredda terra, intrisa e bagnata di fiumi e laghi, che ci nevica addosso prima che altrove, che apro la finestra e mi guardano il Mottarone e il Monte Rosa. Le passeggiate nel budello di Arona fino in piazza del Popolo ad ammirare la rocca d’Angera che domina il lago Maggiore, mentre il san Carlone sull’altra riva controlla. Ma poi il bagno lo facciamo soltanto nel lago d’Orta, e per san Lorenzo ci sdraiamo sui pontili avvolti dai sacchi a pelo, a fare a gara a chi vede più stelle, a ritrovarci con gli amici che si sono trasferiti, ma tornano sempre.
E non capisci che i paesaggi che tanto ti hanno fatto amare “La chimera” sono quelli dove anch’io sono cresciuta, che m’appartengono tanto da potermi definire. Che vorresti amarmi, ma non per questo attaccamento insano che ho per i luoghi e per le persone che li abitano, per il nostro dialetto sghembo.
Che ti racconto cose che per te non hanno sapore. Ma loro sono le mie persone, non saranno mai fantasmi, loro sono i miei fratelli. Che cantiamo “Valsesia” a memoria ai concerti folk, con la mano sul cuore pensando ai nostri nonni che hanno combattuto, (“ai nostri morti l’abbiam giurato, dobbiamo vincere o morire”). Loro hanno dei visi, delle voci che sogno di notte, delle rughe che conosco a memoria.
E tu avresti la presunzione di conoscermi, senza tutto questo?
E tu, davvero, credi basta fare le valigie ed andarsene?
La nebbia ti entra dentro, e non se ne va più. Ecco perché parli, parli, parli, ma da solo, e mentre penso che non capirai mai, non te lo dico. Sì, me ne sto zitta persino quando non sorridi a un mio aneddoto divertente di qualche anno fa. (Tu ti meriti di più, mi ripeti). Sono fredda, fredda come la mia terra, quella che mi ha generato e reso così.Muta, triste e distante, tanto che né della mia terra né di me percepisci il calore oltre il velo.
GRazie mia cara di cui non conosco il nome: ti ho rubato i magnifici pensieri della "brumal Novara" del Pascoli.
Il mio intento era quello di mostrarvi alcune immagini di Novara, penso inedite, (realizzate dal fotografo Giovetti), che Paolo ha trovato in una cartelletta dimenticata in soffitta. 
Il sig. Giovetti, o chi per lui, seguiva mio cognato Domenico negli anni in cui faceva il giornalista per la pagina di Novara della Gazzetta del Popolo. Saranno solo le immagini di vita di quegli anni e non  ciò che riguarda i momenti drammatici di cronaca nera. Era l'anno 1957-58.
Chiesa di Trecate
Panorama notturno
Concorso Bovino al bocciodromo
Piazza Martiri illuminata
C.so Cavour: prime luminarie
Parco dei bambini con orsetti lavatori

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

1 commento:

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...