Ho sognato la neve

8 comments



Lenti, scendevano dal cielo, simili a bianche farfalle, i fiocchi di neve. Un soffio leggero di vento li faceva volteggiare per poi ricoprire di bianco ogni cosa. 
Stupore, gioia,allegria per un paesaggio arrivato da lontano: da un sogno.
Il sogno mi porta a ricordi lontani:il naso premuto al vetro della finestra: "Nena, fissa i fiocchi, ti sembrerà di salire in cielo"!
Nessun rumore, ogni cosa aveva perso peso e corpo, finalmente un dolce silenzio di fiaba. Danzano le farfalle bianche sul bianco velo che ricopre il mio sogno.

"I poveri, non saranno contenti! Non pensi a quei bimbi che senza scarpe avranno i piedini freddi, congelati?" 
E' la mia anima che mi richiama alla realtà.
" Per piacere, ora, lasciami con i miei di ricordi di bimba! Anch'io ero povera, anch'io avevo freddo, voglio solo ricordare i giochi con la neve..... I pupazzi con la carota per naso e i sassi per bottoni! E poi le battaglie a palle di neve, le risate e le grida di felicità che riempivano il cielo, i prati e le nostre gote rosse per la sferza dell'aria fredda! 

Ecco arrivare ai miei occhi socchiusi quella particolare passeggiata sulla neve, con un bellissimo cielo blu e una luna che ci indicava, lucente, vera, bianca, splendida, la strada per recarci alla Messa di Natale!

 Gesù  mi attendevi già! Tu mi amavi già e io arrivavo a farti festa, con Elena, mano nella mano, attente a non scivolare: mentre la terra si riempiva di musica e la notte andava incontro ad un nuovo candido giorno di festa.






E' scesa la neve,divina creatura,


a visitare la valle.


E' scesa la neve,sposa della stella,


guardiamola cadere:


Dolce! Giunge senza rumore,come gli esseri soavi


che temono di far male.


Così scende la luna,cos' scendono i sogni....


guardiamola scendere.


Pura! Guarda la valle tua,come sta ricamandola


di gelsomino soffice.


Ha così dolci dita,così lievi e sottili,


che sfiorano senza toccare.




(G. Mistral, Opere poetiche)
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

8 commenti:

  1. I tuoi post diventano sempre di più poesia. La fanciullezza, la visione magica della neve, i giochi, i pupazzi, la sorella. Ma la realtà dà spessore umano alle tue scorribande bambinesche. Sì, la neve è anche freddo, fame e malattie.
    Ciao.

    P:S. L'immagine del Google+ deve essere il tuo viso. Prima che passi googlebot spider a rimproverarti, provvedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'accordo per la foto. Domani. La neve mi è sempre piaciuta......è magica felicità. Ciao Gus! Buonaserata.

      Elimina
  2. dolcissimo questo post !!!!
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fiore. A domani con le foto che vedrai! Buona serata

      Elimina
  3. Lucia cara - rispondo qui al quesito che mi hai posto sul mio blog. Tu sai che mi sei cara, come mi è cara Daniela ma tra noi si sono inserite due persone di cui io non faccio il nome ma che noi conosciamo... prima una e poi l'altra che hanno portato solo scompigno nella nostra amicizia. Con le loro malignità e le cattiverie e le conseguenti offese a cui io non ero preparata. Offese fatte e scritte proprio nel periodo natalizio in cui tutti dovrebbero essere più buoni. Pensiero che ha condiviso anche una di queste due persone, ma solo condiviso perchè nei fatti ha dimostrato il contrario: prima ha parlato di amicizia e poi ha colpito, ha ferito, ha ingannato non solo me ma anche altri. Sinceramente non sono mai preparata a questi accadimenti e soffro, soffro davvero e anche molto.
    Ho scritto un post qui:
    https://annamaria02092014.wordpress.com/2014/12/18/vittoria/
    L'ho intitolato VITTORIA perchè io mi considero la vincitrice in tutta questa storia ma nonostante ciò ho bisogno ancora di un pò di tempo per "digerire" il male che ho subito...
    Ti voglio bene e lo dichiaro qui perchè non ho nessun dubbio su questo mio sentimento verso di te... se vuoi linkarmi fallo pure, se lei verrà da me tramite te, non mi importa più nulla, il male va affrontato lo so ne sono consapevole, ma ho bisogno ancora di un pò di tempo. Con Daniela ci sono riuscita forse perchè abbiamo un pò lo stesso carattere, siamo impulsive e, dopo con la calma comprendiamo i nostri errori, ma con te è diverso. So che tu soffri come me ed io non voglio più soffrire nè farti soffrire. Spero che tu comprenda ciò che ti scrivo e che tu abbia la pazienza di aspettarmi ancora per un pò di tempo, il tempo necessario per tornare ad essere me stessa, l'Anna Maria che ama e che si riconosce in questo amare.
    Baciobacio sempre te ♥♥♥

    RispondiElimina
  4. La pubblicazione del mio commento dipende da te ma io sono dell'opnione che vada pubblicato. La nostra amicizia ritrovata e riconquistata deve vedere la luce del sole e non essere nascosta. Comunque decidi tu, se non lo pubblicherai io non mi offenderò

    RispondiElimina
  5. La testa mi scoppia, vado a dormire dolce notte a domani.

    RispondiElimina
  6. Un post molto bello, io ho bellissimi ricordi di quando veniva tanta neve d'inverno dalle mie parti. Magari non potevo sciare come la mia amichetta perchè i miei non potevano permettersi di comprarmi gli sci per fare la discesa davanti alla mia scuola elementare. Avevo un slittino fatto dal mio papà, che divertimento...Un abbraccio cara Lucia. ^_^

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o