Danza

14 comments
 
 
 
 Una S. Messa ascoltata tempo fa, finiva con questo canto:
"Io danzavo al mattino, mentre il mondo nasceva;
io danzavo circondato dalla luna, dalle stelle dal sole.
Danzate ovunque voi siate;
Io sono il Signore della danza..."
 
Sono parole che mettono subito allegrezza! "Il Signore della danza!" Se solo per un attimo fossimo capaci di vedere al di là del nostro dolore terreno, quello di tutte le sconfitte, di tutte le perdite, le separazioni. Se fossimo capaci di amare e di vedere il Signore della danza! Solo allora comprenderemmo la letizia perenne, quella letizia che i nostri Santi hanno tante volte cantato e che spesso ritroviamo nel Salmi "I fiumi battano le mani, esultino insieme le montagne..."
Quando ci chiediamo il perchè di questo dolore che ci pare immeritato, il perchè di un torto subito, della stupidità insanabile!
Pensiamoci e troveremo che è tutto così semplice! Dio non ha creato niente di stupido, di irrazionale, di brutto. Noi soli, solo noi rifiutando la nostra superba e splendente prima destinazione, abbiamo inventato il dolore, la solitudine, la cattiveria, la follia.
Il Dio della danza e del mondo che nasce non poteva che creare bellezza perfetta, bontà assoluta, totale perfezione.

 


Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

14 commenti:

  1. Bentornata Lucia. Ho visto ora che hai fatto un post sulle beatitudini anche ieri pomeriggio. Questa danza è un buon compendio alle beatitudini evangeliche.
    È vero ciò che dici. In questi giorni ho messo su facebook diverse parti del discorso del Papa sulla pace. Quelli che hanno provocato più risentimento sono quelli in cui il Papa richiede un impegno morale sulla famiglia, sulla vita. Apriti cielo!!! Nei brani in cui non compaiono riferimenti alla Chiesa e a Gesù, ma solo ad un bene generale, cioè senza un impegno concreto della propria esistenza, della propria vita, allora tutto "bene".
    Ciò l'ho collegato con quanto dici: che la nostra superbia ci vuole allontanare da Dio. Ci vogliamo fare noi stessi superiori a Dio, negando però Dio. Forse è una sorta di cecità di fronte alla danza del Signore? O forse siamo noi cristiani che non sappiamo danzare bene?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio Parroco ha letto in Chiesa un articolo poubblicato su Avvenire l'8 dicembre scorso in cui Asia Bibi faceva questo appello:" Penso alla mia famiglia, lo faccio ogni momento. Vivo con il ricordo di mio marito e dei miei figli e chiedo a Dio Misericordioso che mi permetta di tornare da loro..." Asia è detenuta dal giugno 2009 in attesa di sentenza definitiva (condanna a morte per blasfemia) Aiutiamola!

      Elimina
    2. Avevo firmato l'appello su Avvenire. Occorre anche pregare.
      http://www.avvenire.it/Dossier/Cristianofobia/Pagine/appelloAsiaBibi.aspx

      Elimina
  2. Sì Lucia♥
    Grazie del testo pieno di speranza!
    Bacione!

    RispondiElimina
  3. Ottima idea.
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
  4. Le parole di quel canto sono molto belle...
    mi han fatto rammentare al giorno in cui un gruppo gospel si esibiva con i suoi canti..
    Canti tramutati in danza, quei movimenti che si accompagnavano al fluire dei suoni delle voci.
    Mi piace la tua riflessione, e scusa se ho voluto citare un' altro tipo di danza, e di come Dio sia stato presente in questo..
    A presto Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I Cori gospel mi piacciono tanto: sono lodi a Dio! Evviva! Ciao Gabry

      Elimina
  5. Oggi è una giornata no e in giornate così è difficile pensare che tutto ciò che è creato è bellezza e perfezione.
    Ciao, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
  6. Auguri per una serena domenica! C'era un amico che se mi vedeva giù mi diceva "Dai, datti un colpo d'ala!" Era il suo modo di incoraggiarmi!Notte Antonella!

    RispondiElimina
  7. Penso che i santi conoscessero la gioia, perché avevano la consapevolezza che Dio, e il Suo amore, sanno inondare i cuori di chi crede, di un amore sconfinato.
    Magari riuscissimo ad aprire gli occhi!
    Grazie Lucia

    RispondiElimina
  8. Le tue ultime sei righe del post dicono tutto riguardo la sofferenza su questa terra. Non diamo mai colpa al Signore, ma attendiamo con fiducia e speranza, come dice:(Is. 6,22) «I nuovi cieli e la nuova terra che io farò dureranno per sempre davanti a Me»
    Questa grande promessa, rievocata e riconfermata spesso nel Nuovo Testamento, ci da la speranza sicura e confortante dell’avveramento della divina parola.
    Buona domenica cara Lucia *_*

    RispondiElimina
  9. Cara Lucia grazie del tuo spazio, e della serenità che mi propaghi dentro il mio cuore. Ti abbraccio.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...