A Dio nulla è impossibile

8 comments
 
 
 
 
 
La parola che è risuonata nel cuore di Maria è stata:"A Dio nulla è impossibile".
"A Dio nulla è impossibile" ecco il segreto, la ragione che rende vera l'attesa; ecco la letizia profonda e discreta dell'attesa di Maria. Nel segreto della Sua semplicità nasceva il sentimento religioso.
Cioè una luce che illumina il proprio niente e con questo la conoscenza che Dio può far tutto.
La reazione che ha avuto la Madonna all'Annuncio dell'Angelo si chiama fede.
Perchè la fede è il riconoscimento della presenza di Qualcuno tra noi, Qualcuno più grande di noi che si chiama "Signore" E Lei come si è espressa? Il Vangelo dice "Fiat" Il soffio della libertà. Fiat, sì, sì.
E noi davanti alle prove di tutti i giorni, come rispondiamo? Aiutaci Signore a gridare sì, sì anche noi.

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

8 commenti:

  1. Bellissimo post cara amica. Mi piace quando si parla della libertà di scelta che Dio ci ha dato. E la Madonna ha scelto...Stupenda!
    Baciobacio sempre

    RispondiElimina
  2. Oggi ho scoperto che i vescovi che parteciparono al secondo Concilio di Toledo, nel 656, trovarono inconveniente celebrare la festa dell'Annunciazione della santissima Vergine, il 25 marzo, poiché questa solenne festività cadeva, generalmente, nel periodo nel quale la Chiesa è preoccupata con i dolori della Passione. Fu creato, allora, il decreto nel quale si dichiarava che, a partire da allora, questa festa sarebbe stata commemorata otto giorni prima del Natale e che sarebbe una festa solenne, con ottava, in memoria dell'Assunzione, servendo, al tempo stesso, come preparazione della grande solennità della Natività.

    In seguito, la Chiesa di Spagna sentì il bisogno di rientrare alla pratica della Chiesa Romana e di tutti coloro che nel mondo intero festeggiano il 25 marzo, come giorno consacrato all'Annunciazione della Santa Vergine e dell'Incarnazione del Figlio di Dio: ma era così grande la devozione dei popoli iberici alla festa del 18 dicembre, che si ritenne necessario mantenerne un vestigio. Si applicò la pietà dei fedeli a considerare questa divina Madre nei giorni immediatamente precedenti il suo straordinario parto. Fu dunque creata una nuova festa, sotto il nome dell'Attesa del Parto della Santa Vergine.

    Questa festa è chiamata anche Madonna dell'Oh a causa delle grandi antifone che si cantano in questi giorni e che cominciano tutte con la interiezione "Oh", esprimendo l'attesa e la speranza degli antichi patriarchi e profeti per la venuta del Messia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Riccardo!Da oggi mi ricorderò di commemorare il 18 dicembre! Abbracci!

      Elimina
  3. Ciao post bellissimo, l'espressione più completa del donarsi. Bellissimo anche il dipinto.
    Buona serata, a presto.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi post sì che sono veramente interessanti! Buona serata carissima!

      Elimina
  4. Carissima Lucia, grazie dei tuoi post, si respira un'aria serena da te...bello anche il tuo nuovo template. Bacione.

    RispondiElimina
  5. Ciao, sei perfettamente in linea, con i miei pensieri di questi giorni. La grande, piccola, Maria e la sua grande ed invidiabile fede.
    E' un bellissimo blog, mi registro molto volentieri, spero che pian piano, inizieremo a conoscerci.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o