lunedì 27 agosto 2012

Miguel Manara di Milosz (Soliloquio finale)

 
 
"Ecco la luna, ecco la terra, ecco l'uomo debolissimo e il suo grande dolore. Eppure, malgrado tutte queste cose che esistono, io non so dire che Tu sei.
Chi sono mai io per osar affermare che Tu sei? Io non sono sicuro, io non ho il diritto di essere certo che di una sola cosa: del mio amore, del mio amore, del mio cieco amore per Te; niente è puro, tranne il mio amore per Te. Niente è grande, tranne il mio amore per Te. Niente è bello, tranne il mio amore per Te.[...]Niente è sincero, tranne il mio amore per Te; niente è reale, tranne il mio amore per Te; niente è immortale, tranne il mio amore per Te. [...]
Il Tuo grande amore mi brucia il cuore, il Tuo grande amore - mia sola certezza. - [...] O fame di eternità! O gioia! Ahimè! perdono! Ahimè! Amami!"

3 commenti:

Gus ha detto...

Sa chi è. Questo è importante per vivere con fede la vita terrena.
Ciao Lucia.

Sara ha detto...

In questo angolo trovo sollievo. Sento una influenza magnetica positiva... dote innata di alcune personalità capaci, con vera umiltà e amore, di dare volto al bene.
Buona notte Lucia!


FarfallaLegger@ ha detto...

Bellissima! Amami! Bellissima affermazione! Abbraccio cara ♥