1° lettura: Genesi

2 comments
Risultati immagini per Immagini tre uomini sotto la quercia di Mambre

Gen 18,1-10a; Sal 14; Col 1,24-28; Lc 10,38-42 - Chi teme il Signore, abiterà nella sua tenda

“educhiamoci all’accoglienza”

-Poi il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all'ingresso della tenda nell'ora più calda del giorno. Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall'ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, dicendo: «Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo.  Si vada a prendere un po’ di acqua, lavatevi i piedi e accomodatevi sotto l'albero. Permettete che vada a prendere un boccone di pane e rinfrancatevi il cuore; dopo, potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo». Quelli dissero: «Fa’ pure come hai detto». Allora Abramo andò in fretta nella tenda, da Sara, e disse: «Presto, tre staia di fior di farina, impastala e fanne focacce». All'armento corse lui stesso, Abramo, prese un vitello tenero e buono e lo diede al servo, che si affrettò a prepararlo. Prese panna e latte fresco insieme con il vitello, che aveva preparato, e li porse a loro. Così, mentre egli stava in piedi presso di loro sotto l'albero, quelli mangiarono. Poi gli dissero: «Dov'è Sara, tua moglie?». Rispose: «E' là nella tenda».  Il Signore riprese: «Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio». Intanto Sara stava ad ascoltare all'ingresso della tenda, dietro di lui. Abramo e Sara erano vecchi, avanti negli anni; era cessato a Sara ciò che avviene regolarmente alle donne.  Allora Sara rise dentro di sé e disse: «Avvizzita come sono, dovrei provare il piacere, mentre il mio signore è vecchio!».  Ma il Signore disse ad Abramo: «Perché Sara ha riso dicendo: Potrò davvero partorire, mentre sono vecchia?  C'è forse qualche cosa d’impossibile per il Signore? Al tempo fissato tornerò da te tra un anno e Sara avrà un figlio».  Allora Sara negò: «Non ho riso!», perché aveva paura; ma egli disse: «Sì, hai proprio riso».

L’episodio è ambientato ad Ebron, precisamente alle Querce di Mamre, dove, secondo Gen 13,18, Abramo si era stabilito, dopo aver concesso a Lot di scegliersi la parte di terra ove pascolare i suoi greggi e aver ricevuto da Dio conferma della promessa della terra e della discendenza: “Poi Abram si spostò con le sue tende e andò a stabilirsi alle Querce di Mamre, che sono ad Ebron e vi costruì un altare del Signore”. Ebron sorgeva a sud di Gerusalemme. È un racconto che ha affascinato molti sia per la squisitezza delle relazioni umane che vi vengono descritte, sia per il misterioso ondeggiare del numero dei visitatori tra uno e tre che ha fatto pensare ai cristiani a un’icona prefigurativa della Trinità.

L’ospitalità presso gli antichi orientali era uno dei doveri fondamentali, ma era anche considerata un onore per chi ospitava.

Ancora oggi presso i beduini, i nomadi che vivono nel deserto, l’ospitalità è una consuetudine fondamentale.

Nella lettera agli Ebrei si esorta: “Non dimenticate l’ospitalità; alcuni, praticandola, senza saperlo hanno accolto degli angeli” (Eb 13,2).

Ho scelto questa frase della prima lettura affinchè la meditassi durante questa settimana...

«Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo."

Risultati immagini per Immagini tre uomini sotto la quercia di Mambre



Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

2 commenti:

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...