La rosa sfogliata (Santa Teresa di Lisieux)

1 comment



LA ROSA SFOGLIATA
Signore, 
sui tuoi altari
 più d'una rosa fresca
 ama brillare. 
A te essa si dona. 
Ma altra cosa io sogno. 
È di sfogliarmi!" 
La rosa sfogliata 
si getta senza cura 
in braccio al vento, 
si dà semplicemente 
per più non essere. 
Gesù, 
per amor tuo 
ho prodigato 
la vita e il mio avvenire. 
Agli occhi dei mortali 
come rosa appassita devo morire! 
Nello sfogliarmi voglio provarti 
che io ti amo. 
E vorrei addolcire 
i tuoi estremi passi 
sopra il Calvario! 


Santa Teresa di Lisieux, celebrata oggi dalla liturgia, è la santa che ha incantato anche uno scrittore ebreo come l'austriaco Joseph Roth (1894-1939) che l'ha messa al centro dell'autobiografica Leggenda del santo bevitore (1939), divenuta anche un bel film di Ermanno Olmi (1988). Teresa di Gesù Bambino, come si era fatta chiamare nel Carmelo, non ci ha lasciato solo testi di straordinaria intensità spirituale; ci ha anche offerto poesie di delicata fragranza come nel caso di questo canto della rosa. L'idea che vi soggiace è suggestiva. Teresa non vuole essere una rosa fresca che sta solennemente sull'altare con tutto il suo profumo e coi suoi colori brillanti. Vorrebbe, invece, essere una "rosa sfogliata", ormai consumata, che si disperde al soffio del vento, che "si dà semplicemente per più non essere". È questo il vero segno dell'amore, quando un'esistenza si consacra totalmente a un Altro, giungendo fino alla morte di se stessa. C'è indubbiamente una più intima radiosità in una madre che ha le mani ruvide, i capelli un po' scomposti, la faccia affaticata rispetto all'artificiosa e fredda bellezza di una fatua donna televisiva. Quella che Teresa di Lisieux propone è la legge del seme che deve stare nell'oscurità a marcire, ma che solo così diventa fecondo di vita (Giovanni 12, 24).



Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

1 commento:

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...