Lourdes: Santuario della speranza

15 comments













Lourdes è la patria del silenzio!


Tanta gente che si muove… ma il silenzio regna!





Il silenzio fa parlare il cuore e permette di offrire al Signore ogni nostra debolezza.


La Croce si fa fatica a portarla parlando o ragionando… è più leggera se è accompagnata dal silenzio.




La fede di Dio non va fondata su discorsi persuasivi di sapienza o di intelligenza, ma si fonda sul forza e sulla potenza di Dio che si acquista entrando in lui.



Tra Bernardette e Maria non ci sono lunghissimi discorsi o migliaia di parola… c’è solo il silenzio


Il dolore, la sofferenza, la malattia, in verità, fanno parte della vita umana. Tutti ne siamo toccati. Per questo abbiamo tanto da imparare dalla Giornata del malato. Come ha scritto papa Francesco nell’enciclica Lumen fidei, «la fede non è luce che dissipa tutte le nostre tenebre, ma lampada che guida nella notte i nostri passi, e questo basta per il cammino». Noi cristiani sappiamo che la sofferenza «può ricevere un senso, può diventare atto di amore, affidamento alle mani di Dio che non ci abbandona e, in questo modo, essere una tappa di crescita della fede e dell’amore» (Lumen fidei 56).

Sono stata diverse volte a Lourdes per conoscere il luogo, per Maria, Immacolata Concezione, e soprattutto per pregare.



Il dolore, la sofferenza è un cammino che dovevo percorrere per capirne il senso. Per entrare nel profondo di me stessa. Desideravo trovare la Mano protettrice che mi guidava, che conosceva il mio cuore e che mi avrebbe abbracciata nell'abbandono.


Come potevo aiutare Paolo che si era chiuso in un mutismo e che non riusciva a condividere la vita di Ada e di Enrico? Solo Maria poteva aiutarmi!


"Tu Madre che hai accarezzato il corpo, martoriato e senza vita, del Tuo amato Figlio, Tu che nel silenzio hai pianto per Lui e per noi peccatori, Ti prego, per ogni figlio dell'uomo che muore: aiuta e consola questi cuori affinchè questo nostro vivere riprenda voce."

La sera, quando il giorno portava a termine il suo compito e si oscurava, mille, duemila fiammelle creavano una scia luminosa.

Mille, duemila speranze e magari in quelle speranze individuali, anche quelle di persone care che non avevano potuto essere con noi.


In quella processione c'erano tante Lucia, tanti Paolo, che camminavano verso una grotta dove era stata posta l'immagine di Maria , perchè era il luogo dell'incontro con Bernadette.


Sono facile alle lacrime? Lacrime di commozione per tutto quel dolore che non si poteva non respirare, e anche per il mio. Scendevano lente dagli occhi rigandomi il viso. Le asciugavo in fretta perchè nessuno, specialmente Paolo, le vedesse!








Papa Francesco :"«Chiediamo con viva fede allo Spirito Santo», scrive, «che ci doni la grazia di comprendere il valore dell’accompagnamento, tante volte silenzioso, che ci porta a dedicare tempo a queste sorelle e a questi fratelli, i quali, grazie alla nostra vicinanza e al nostro affetto, si sentono più amati e confortati»







"La «sapienza del cuore» è un dono dello Spirito da invocare nella preghiera e testimoniare con la vita."







E aggiunge: «Quale grande menzogna invece si nasconde dietro certe espressioni che insistono tanto sulla “qualità della vita”, per indurre a credere che le vite gravemente affette da malattia non sarebbero degne di essere vissute!».
































Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

15 commenti:

  1. Lourdes sì! Sai Licia la mia cara sorellina sfortunata, la prima volta che si è recata è stata la sua fede a portarla a pregare all’acqua sorgiva della grotta dove apparve la Madonna. Poi purtroppo il mondo le è crollato addosso distruggendo il suo nido travolgendo lei soprattutto, e tutti noi.
    Il tempo ha lenito in parte la sofferenza dell’anima, lasciando profondamente ferito il corpo di Licia
    Ha ripreso il suo viaggio di preghiera a Lourdes ma su un lettino, grazie ai volontari e alle dame dell’Oftal. La sua vita è cambiata, e la fede è rimasta grande, per accogliere l’abbraccio di Maria. Ora non può più affrontare quel viaggio per le sue condizioni che si sono aggravate, ora Maria l’abbraccia nel suo cuore.
    Ciao Lucia, in bacio grande!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa sera a Messa per pregare per gli ammalati: una lunga fila di nomi di persone care da ricordare a Maria, forse da ricordare alla nostra memoria....Ciao Dani

      Elimina
  2. Sono stato due volte a Lourdes per accompagnare malati e credenti sani. Le malattie sono restate, ma le persone hanno subito un cambiamento radicale. Li, in quel luogo, dove la Madonna si presentò dichiarando di essere l'Immacolata Concezione, si respira un'aria particolare. Un profumo di santità.
    Un abbraccio Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci stupiamo di come cambiano i nostri cuori....là a Lourdes avvengono grandi miracoli! (anche se non si vedono!)

      Elimina
  3. Evviva: ho tolto il rettangolo bianco.
    A Gus nulla è impossibile.
    Brindo con un sorso di Rum.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Com'era la canzone dei pirati dell'Isola del Tesoro, dopo che avevano vuotato le botticelle di rum? L'hai cantata? io ora non la ricordo, ma...prima di sera.... Abbraccio

      Elimina
    2. ...40 uomini, 40 uomini sulla bara del morto!....eh, tu eri giovane, come puoi ricordarla!

      Elimina
  4. Ci sono stata da bambina e mi è rimasta nel cuore l'atmosfera di pace e serenità e preghiera continua. Vedere tanti ammalati mi ha colpita molto e ho sempre negli occhi la sofferenza di tante persone. Non si può dimenticare. Vorrei tornarci. Un abbraccio e buonanotte ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' anche nel mio cuore come ricordi vivi che mi donano la speranza di poterci tornare! Abbraccio cara amica! Passata la bora?

      Elimina
    2. Ho letto quello che hai commentato sul blog di Farfalla.
      Complimenti.
      Scrivi senza conoscere i fatti.

      Elimina
    3. http://farfalla-leggera.blogspot.it/2015/01/alla-mia-amichetta-del-cuore.html

      Elimina
    4. Farfalla l'ha postato anche nel blog di Franco.

      Elimina
  5. Hanno preso le impronte dei nostri passi?Quando si sbaglia....sarebbe bene cancellarle! "Che il vostro dire sia "Sì, sì; no, no!"
    In un post dedicato a Maria, lascio a Maria giudicare!
    Gus Buonanotte!

    RispondiElimina
  6. Saray3 gennaio 2015 01:17

    Mi spiace per Fiorella, queste cose non dovrebbero accadere. Se saltano i nervi meglio sarebbe rimanere in silenzio che fare queste figuracce. Intanto noi mpariamo a conoscere le persone ed evitarle. Nottina cara :)


    Cosa deve conoscere questa qui?

    RispondiElimina
  7. Ci sono momenti in cui non stiamo bene e senza volerlo apriamo delle parentesi che non possiamo chiamare pacifiche! Non ne parliamo più. Buonagiornata.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...