Il primo pellegrinaggio.....

7 comments



Mi è capitato di vedere, su fb, una fotografia di due innamorati che indossavano una maglietta su cui era disegnata soltanto un'ala e la scritta "Gli uomini sono angeli con un'ala soltanto: possono volare solo rimanendo abbracciati." 
Riflettendo ho pensato che forse anche Dio, a Betlemme, si è mostrato, con un'ala soltanto, per dirmi che anche Lui vorrebbe volare abbracciato a me. A te. A ciascuno di noi.
Io desidero tanto essere sua compagna di volo!
I Magi. Pensando al loro cammino, a ciò che si legge nel Vangelo di Matteo, e ai piccoli movimenti che i miei nipotini fanno loro fare, per farli avvicinare alla capanna, ho deciso: "Ecco il primo pellegrinaggio per incontrare Gesù".
Venuti da Oriente, il paese della luce, dove sorge il sole, per cercare la Luce. Non potrebbe essere anche la nostra storia? Nascere come abitante del paese della luce e viaggiare nella notte dietro una scia luminosa di una stella lontana che ci conduce attraverso sentieri sconosciuti e incerti per trovare la nostra luce interiore.
La caratteristica dei Magi è la costanza nella ricerca e la perseveranza di scrutare il cielo perchè la stella che li guida non svanisca.
I Magi inoltre ci insegnano anche che dobbiamo preparare il nostro vivere per far emergere la scintilla luminosa che è in noi. E' così potrebbe essere la nostra capacità di volare.
Forse è per questo che Dio nasce fuori città, lontano dagli schiamazzi degli uomini, perchè solo quando tace ogni rumore nasce una Presenza.
Pensiamo a com'è il nostro cuore.
I Magi avevano un cuore pulito, arioso, libero e aperto. (Chi me lo dice? Io, io lo penso e so che era proprio così!)
Chiedo ai Magi di spingermi verso la culla del Dio Bambino, perchè è lì la sorgente del coraggio d'amare e la speranza di percorrere il cammino che mi farà trovare la mia luce interiore, la speranza di rinascere ogni nuovo mattino a vita nuova.
E con il cuore colmo di gioia chiedo al Dio Bambino che mi abbracci e m'insegni a volare!
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

7 commenti:

  1. Come simbologia è perfetta ma solo l'evangelista Matteo parla dei Magi senza specificarne il numero. Il resto è preso dai vangeli apocrifi.

    RispondiElimina
  2. Amigos: infatti , quasi all'inizio ho scritto Vangelo di Matteo senza precisare il numero (meno male), ma tu volevi solo confermare vero? L'abbraccio della buonanotte. Ciao Gus

    RispondiElimina
  3. Il Vangelo secondo Matteo è l'unica fonte cristiana canonica a descrivere l'episodio. Secondo il racconto evangelico, i Magi, al loro arrivo a Gerusalemme, per prima cosa, fecero visita a Erode, il re della Giudea romana, domandando dove fosse 'il re che era nato', in quanto avevano 'visto sorgere la sua stella'. Erode, mostrando di non conoscere la profezia dell'Antico Testamento (Michea 5,1), ne rimase turbato e chiese agli scribi quale fosse il luogo ove il Messia doveva nascere. Saputo che si trattava di Betlemme, li inviò in quel luogo esortandoli a trovare il bambino e riferire i dettagli del luogo dove trovarlo, 'affinché anche lui potesse adorarlo' (2,1-8). Guidati dalla stella, essi arrivarono a Betlemme e giunsero presso il luogo dove era nato Gesù, prostrandosi in adorazione e offrendogli in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non ritornare da Erode, fecero ritorno alla loro patria per un'altra strada (2,9-11). Scoperto l'inganno, Erode s'infuriò e mandò ad uccidere tutti i bambini di Betlemme di età inferiore ai due anni, dando luogo alla Strage degli innocenti (2,16-18), ma Giuseppe, avvertito anticipatamente in sogno, fuggì in Egitto (2,13-14) con la famiglia.

    Il passo di Matteo non fornisce il numero esatto dei Magi ma la tradizione più diffusa, basandosi sul fatto che vengono citati tre doni, parla di tre uomini. In realtà, il testo greco non ne indica né il numero né tantomeno i nomi; parla solo di "Magi dall'Oriente" (μαγοι απο ανατολων, magoi apo anatolōn). Il testo non specifica neanche l'intervallo di tempo trascorso tra la nascita di Gesù e l'arrivo a Betlemme dei Magi. Dal vangelo secondo Luca sappiamo che Giuseppe, Maria e Gesù rimasero a Betlemme almeno 40 giorni, cioè sino alla Presentazione al Tempio. Secondo alcuni autori che hanno proposto l'armonizzazione degli eventi raccontati dai Vangeli, la visita dei Magi e l'immediatamente successiva fuga in Egitto dovrebbero aver avuto luogo dopo questo evento (al termine del quale la famiglia di Gesù sarebbe rientrata a Betlemme), in contrasto con la tradizione liturgica, che lascia solo dodici giorni fra Natale ed Epifania[9]. È stato anche ipotizzato che la visita dei Magi sia avvenuta a Nazaret: essi si sarebbero recati a Betlemme, ma non vi avrebbero trovato Gesù, già ripartito con i suoi; usciti dalla città, sarebbero stati guidati dalla stella fino a Nazaret[10].

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo postare qualche commento tipo "per un'altra strada fecero ritorno" ma la tua è più che sufficiente. Buonagiornata e grazie.

      Elimina
  4. Lucy, buona Epifania del Signore, Alleluia!
    Bacione♥
    Dani

    RispondiElimina
  5. Epifania tutte le feste si porta via. Smonto? Se Paolo mi recupera gli scatoloni che ha portato, non so se in cantina o in garage, smonto altrimenti. li tengo ancora un po' E' che oggi viene Olga e così mi darebbe una mano, un braccio ecc....I ragazzi piccoli e grandi....festeggiano! Domani riprende la scuola!
    Buona Epifania a tutti.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...