Nella stalla di Betlem di C. Peguy

2 comments


Sotto lo sguardo di quell'asino e quello del bue
il Bambino riposava nella pura luce.
E nel giorno dorato della vecchia capanna
splendeva il suo sguardo incredibilmente nuovo.

Il bambino alzava lo sguardo verso gli occhi enormi
più profondi e più dolci dell'oceano infinito.
Per la prima volta ammirava in questo specchio gigante
la profondità dei mari e il riflesso dei cieli.
........

Immobile il bambino dormiva nel profondo del sonno
stava cominciando il nuovo grande regno
stava iniziando il grande evento
l'insediamento di Dio nel cuore degli uomini.

Stava cominciando quel rinnovamento:
creare il tempo nuovo e la legge nuova.
Stava iniziando una nuova coltivazione:
negli antichi lavori produrre una nuova spiga.

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

2 commenti:

  1. Un caro saluto.
    In comunione di spiritualità.

    Rosella e Carlo.

    RispondiElimina
  2. lucianadal06/12/10, 10:18

    un grande abbraccio a tutti! non sono graziosi gli agnellini che mi ha postato la Dani?

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o