mercoledì 24 gennaio 2018

Oggi

Immagine correlata



Suonavo il violino ad Auschwitz

5 commenti:

franco battaglia ha detto...

E' COSì. DEVE ESSERE PER FORZA COSì. ANCHE PER NOI FORTUNATI, SENZA FORNI E FILI SPINATI, MA SOLO CON L'ANSIA DEL QUOTIDIANO CHE CI SEMBRA A VOLTE COSì PESANTE.
C'è uno spicchio di cielo aggraziato per ognuno di noi.

Gus O. ha detto...

Bacio Lucia.

verdefronda ha detto...

Un caro saluto
Giorgio

Lucia Nadal ha detto...

Grazie per i commenti. Un bacio a tutti.

andreapac ha detto...

il filo spinato più duro da scavalcare è quello che serra il nostro cuore e non permette come il colle di un certo poeta di vedere più in là.