giovedì 18 gennaio 2018

Altrove

Risultati immagini per immagini per altrove

C'è sempre un altrove più desiderabile o anche solo un altrove che ci sembra più accettabile.

Sotto l'azzurro fitto del cielo
qualche uccello di mare se ne va;
nè sosta mai:
perchè tutte le immagini
portano scritto
"più in là" (E. Montale)Risultati immagini per immagini per : più in là uccelli


Ma non c'è mai stato il pensiero di poter avere dei rimpianti o per non essere riusciti a vivere la vita che avevamo immaginato, desiderato.
Amiamo la nostra vita così com'è. 

Amiamola perché non c'è un altrove realistico, altrimenti sarebbe realtà.

No, credetemi non si fa fatica ad essere, ad amare, ciò che siamo, se nel silenzio guardiamo nel profondo di noi stessi.

Perché in quel che c'è, c'è più di quel che sembra:  se d'improvviso il desiderio di bene  illumina tutto di una nuova luce.

Risultati immagini per immagini per altrove la nostra amata vita

In un mondo in cui riconosciamo tutte le nostre imperfezioni, le fatiche, le arrabbiature non dimentichiamo che ci sono i sorrisi, le piccole meraviglie quotidiane, gli affetti, l'amore.

Ogni cosa è illuminata, se l'amiamo. Perchè ci viene donata
L'immagine può contenere: una o più persone, cielo, scarpe e spazio all'aperto

Per questo spesso cerco di fotografare ciò che, di bello, incontrano i miei occhi e questo  mi aiuta a illuminare quella realtà
che si inserisce in ogni istante, in ogni momento, e in questo, trovo una improvvisa felicità.

Immagine correlata

Quando amo, la vita ha senso, c'è l'oggi col suo carico di luci e ombre, e va bene così.
luci e ombre sulla mia tenda

 

In questo inizio d'anno faccio esercizio di rallentamento, cerco di stare in ciò che c'è.

Sto e guardo. Fermo le mie  imperfezioni e le mie mancanze, ma ammiro anche la ricchezza di un prato a primavera e nella meraviglia cerco l'equilibrio giusto per il  giorno che vivo e che verrà.

Così, capita di guardare un albero, il cielo, un fiore...tutta nella ricchezza del quotidiano, e di trovarlo bellissimo. E click! 
fotografo la vita!

Immagine correlata





2 commenti:

Gus O. ha detto...

S', c'è un Altrove di cui non conosciamo niente. Il Mistero della volontà di Dio.
Bacio Lucia.

Anonimo ha detto...

LA NOSTRA STRADA

di Fausto Corsetti

Per quanto ci sforziamo di fare bene ogni cosa, avvertiamo a volte nella nostra vita delle stonature. Siamo andati forse oltre la buccia della vita e stiamo cercando il sapore del frutto vero, la dimensione nascosta.
“Sentimenti contraddittori” ci tormentano: la contraddizione è una componente di molte esistenze. Siamo contenti di quello che facciamo e abbiamo, però… Dentro di noi albergano sempre dei “però”, delle immaginarie alternative alla vita che viviamo, che mai potremo sperimentare, ma che ci illudono con le loro chimere.
Non che i nostri umanissimi desideri siano completamente sbagliati, ma la sofferenza che ne traiamo è uno spreco di energie e un’occasione di sofferenza inutile. E non perché non ci sia niente da fare, piuttosto perché ci allontanano dal nostro vero cammino e ci impediscono di raggiungere quella unificazione di anima, corpo e spirito che sola ci dà serenità e gioia.
Ciascuno di noi ha una sua personalissima via, un cammino da percorrere. Una volta individuato, è necessario perseguirlo con determinazione, non lasciandosi distrarre da altre ipotesi di vita. L’unificazione a cui accennavo si realizza quando nella nostra opera, qualunque essa sia, da quella più umile alla più eccelsa, dalla scelta familiare a quella sociale, noi impegniamo tutta la nostra persona (corpo, anima e spirito).
Dobbiamo essere fermamente convinti che davanti a ciascuno di noi c’è una via particolare, sua propria, nella quale, e solo in quella, può trovare realizzazione, che significa unificazione.
Tentare di imitare le altre vie, le vie degli altri, o provarne invidia, oltre a farci inutilmente soffrire, consuma le nostre energie, sprecandole in una direzione sbagliata. Ciò include naturalmente delle rinunce, ma queste sono inevitabili, e utili, per tutti, se vogliamo vivere correttamente. Ma promette anche, a chi resta fedele alla sua strada, gioia e pienezza.
La “ricetta” migliore per risolvere la contraddizione, cui ogni persona, è sempre soggetta, è tentare di mettere in sintonia la propria volontà con quella dello Spirito, che si rivela solo quando lo cerchiamo nella nostra profondità. Per questo è estremamente necessario dedicare uno spazio saliente, nella vita quotidiana, alla meditazione, alla contemplazione, al silenzio che favoriscono il discernimento, l’equilibrio, l’armonia.
Essere in armonia con la propria natura è avere occhi per vedere il bello in ogni particolare. E quando “facciamo il pieno di bellezza” siamo anche più disposti ad amare la vita, la nostra vita, la nostra strada.