BEATA VERGINE MARIA DEL MONTE CARMELO

7 comments

Oggi 16 luglio si ricorda la Beata Vergine Maria del Monte Carmelo.

Prima di spiegarvi il significato del gesto di Maria SS. qui nell'immagine, (presumo verso il Beato San Simone Stock) voglio confermarvi che io sono una laica Carmelitana scalza, ho ricevuto lo "Scapolare" il 21 giugno 1997 a Concesa dal Padre Gerardo.
Qui Maria dona al Santo "l'abitino" che all'inizio indicava chiaramente il mantello dei carmelitani e in seguito verrà chiamato "scapolare" . Più avanti verrà ridotto  a due quadratini di tessuto marrone, come il mantello, in cui in uno viene raffigurata Maria e nell'altro Gesù.


Questo segno, sostituibile con una medaglia, è insieme al rosario, il più diffuso nella pietà dei fedeli di tutto il mondo. La celebrazione della festa della Madonna del Carmelo (I Re 18,19-46) quindi festa dell'Ordine Carmelitano e di quanti sono uniti al Carmelo nel riconoscere Maria quale sorgente di ogni bene in Cristo, e quale modello evangelico nel vivere in preghiera e specialmente nella preghiera contemplativa.







Fior del Carmelo,
vite fiorente,
splendor del cielo,
tu solamente sei vergin Madre.

Madre mite
e intemerata,
ai figli tuoi
sii propizia, stella del mare.

Ceppo di Jesse,
che il fior produce,
a noi concedi
di rimanere con te per sempre.

Giglio cresciuto
Tra le alte spine,
pure conserva
le menti fragili e dona aiuto.

Forte armatura
dei combattenti,
la guerra infuria:
poni a difesa lo scapolare.

Nell’incertezza
dacci consiglio,
nella sventura
dal cielo impètra consolazione.

Madre e Signora
del tuo Carmelo,
di quella gioia
che ti rapisce sazia i cuori.

O chiave e porta
del Paradiso,
fa' che giungiamo
ove di gloria sei coronata.
Amen.

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

7 commenti:

  1. Monastero S. Maria del Monte Carmelo

    Via Monte Carmelo, 85

    65132 Pescara PE

    tel. 085.62922


    Il Monastero si raggiunge:

    in auto, uscendo dall'autostrada a PESCARA SUD (Francavilla),

    prendere la Nazionale Adriatica nella direzione di Pescara, dopo quattro

    chilometri circa, a sinistra, salire sulla strada che porta a SAN SILVESTRO.

    Subito dopo il Cimitero, alla curva, inizia Via del Monte Carmelo.

    A cinquanta metri, sulla sinistra c'è l'ingresso del Carmelo;

    in treno, prendere il 7 sulla piazza della Stazione Centrale e scendere al Cimitero.



    ****************


    Da più di trent’anni, qui a Pescara, Teresa di Gesù e Giovanni della Croce, insieme a tutti i Santi e le Sante del Carmelo, rivivono, nelle loro Sorelle di oggi, la loro ansia di "vedere Dio ", di fissare gli occhi su di Lui, di vivere solo per questo.

    Da più di trent’anni il Carmelo vive fra noi per dirci che "solo Dio basta".

    Un richiamo, una spinta a salire, superate le contraddizioni e i turbamenti del nostro tempo, su questo Monte che rende più vicino il Cielo.

    Abbiamo bisogno di respirare aria pulita, di riempirci gli occhi di azzurro, di ritornare all'essenziale.

    Questo ci dicono, dalle loro celle silenziose, le nostre Sorelle che da più di trent’anni, nascoste, vivono tra noi l'esperienza sconvolgente e affascinante di Dio.

    Noi non le conosciamo tutte per nome, raramente le vediamo in faccia, ma le sentiamo presenti, intessute nella trama della nostra vita quotidiana.

    Saliamo a questo monastero per condividere gioie e dolori, portiamo qui i nostri pesi, le angosce, le lotte e i problemi.

    Facciamo rifornimento di fede, di speranza e di amore quando solo il silenzio riesce a spalancarci il cuore alla preghiera.

    Questo "colombaio della Vergine" è anche la nostra casa, dove possiamo sentire il calore della Chiesa. .

    Quante volte lo abbiamo sperimentato in questi anni!

    E allora grazie per le meraviglie che Dio continua a compiere in un mondo che, nascostamente o apertamente, è ancora così assetato di Lui! Grazie, Sorelle, per i sì che dite a Dio ogni giorno, per la vostra vita "nascosta con Cristo in Dio" anche per noi.

    Le pagine che seguono cantano le glorie del Signore: grandi cose che sfidano il tempo e gli danno il sapore dell'eterno.

    Sono illustrazioni e parole e le parole riescono a dire solo ciò che trabocca dal cuore; quello che lo riempie è ancora di più, è più intimo, misterioso, e si fa silenzio, come è lo stile carmelitano.

    Noi possiamo solo intuire la gioia, l'adorazione, la riparazione e la preghiera nascoste in queste pagine che si fanno per tutti testimonianza viva e coinvolgente.

    Ringraziamo Dio, perciò, perché ci siete, fedeli, a seguirlo da vicino.

    E' per questo che siete per noi una finestra aperta alla Speranza.



    Maria Chiara Carulli


    Buonanote cara Lucia.



    RispondiElimina
  2. IO CONOSCO LA BELLA SIGNORA del ... GIARDINO.

    RispondiElimina
  3. «Tu Maria, hai tutte le grazie, le bellezze, la santità, perché sei unita a Cristo come nessun'altra creatura» (Paolo VI).
    Grazie Gus, per la tua spiritualità e per quell'amicizia che riempie il cuore. Buonanotte .

    RispondiElimina
  4. Ciao Lucia, bello sapere che sei Carmelitana scalza.
    Hai un grande dono che sicuramente aiuterà tutti quelli che ti conosceranno.
    Lui sa sempre quello che fa.
    Mia nonna si chiamava così, nonna Carmela, approfitto per farle gli auguri di buon onomastico qui da te (non c'è più da tanto ormai, ma è sempre nel mio cuore) e grazie per avermi dato quest'oppurtunità parlando della nostra dolce mamma celeste.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Pia. Ti rispondo in ritardo perchè è bene che io stia lontana dal pc. Ho un po' di disturbi che rimanendo al pc aumentano. Non piangiamoci sopra ma un bel sorriso e riposo (ci sono ugualmente!) Sono felice di averti conosciuta! Su Sky arte ieri sera hammo mostrato Pompei oggi...Interessante. Ci sono stata bisogna sempre documentarsi prima si apprezza di più il valore di ciò che ammiriamo. Auguri di tante giornate belle!.

      Elimina
  5. Cara Lucia, sono io felice di conoscerti e grazie.
    Pompei finalmente ha una maggiore considerazione, dopo continui ed estenuanti richiami di attenzione. Ma le opere d'arte in Italia sono tante e spesso poco curate nonostante abbiano un'immensa valore artistico.
    Ci sono stata anch'io, ma molto tempo fa era in uno stato migliore, ora c'è troppa decadenza e trascuratezza, speriamo in bene.
    Mi fa piacere di aver dialogato con te con tanta serenità, ti abbraccio ed a presto.

    RispondiElimina
  6. Oggi Hanno illustrato il Colosseo e poi la vita e opere di Degas.
    Domani domenica viviamo insieme la S. Messa con il cuore rivolto a Gesù e a Sua Madre: Ciao! Sono contenta perchè parliamo lo stesso linguaggio. Lucia

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...