TAGORE poesia

3 comments
renoir_pierre_auguste


Afferro le sue mani
e la stringo al mio petto.
Tento di riempire le mie braccia
della sua bellezza,
di depredare con i baci
il suo dolce sorriso,
di bere i suoi bruni sguardi
con i miei occhi.
Ma dov'è?
Chi può spremere l'azzurro del cielo?
Cerco di afferrare la bellezza;
essa mi elude
lasciando soltanto il corpo
nelle mie mani.
Stanco e frustrato mi ritraggo.
Come può il corpo toccare
il fiore che soltanto lo spirito riesce a sfiorare?

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

3 commenti:

  1. lucianadal07/11/10, 19:26

    Dani...tu comprendi proprio tutto! Ciao Buona serata!

    RispondiElimina
  2. paracchini09/11/10, 13:59

    Tagore mi piace molto.
    Parlare di corpo e di anima, di ciò che si cerca di prendere, e di ciò che non possiamo afferrare perché spirito, e che possiamo raggiungere solamente entrando in comunione con lo Spirito.

    RispondiElimina
  3. lucianadal09/11/10, 21:33

    grazie Riccardo!Adesso vado a casa tua.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o