mercoledì 21 giugno 2017

Amore mio.

Possa la strada farsi incontro a me.
E, fino a quando non ci rincontreremo, 
possa Dio tenermi nel palmo della Sua mano.

L'immagine può contenere: notte


Nella notte vedo il tremolio delle stelle e delle mille luci della mia, ma non mia, città.
Ho raccontato di te e ne è nata una sana malinconia e, come spesso accade, ora voglio dedicarti un mio canto. 


Ritorna il passato ad ogni angolo di pensiero, lui, presente nella vita di tutti i giorni.Invece ho  paura delle notti popolate dai ricordi che incatenano i miei sogni.

Guardo la strada dove riposa l'eco delle tue risate e l'ombra del tuo corpo,fermo, immobile nel respiro affannoso....

Ora accanto al tuo viso immutato di bimba si affianca il mio, coperto da mille sentieri di gioie e dolori vissuti.

L'immagine può contenere: oceano, cielo, spiaggia, spazio all'aperto, natura e acqua


Un viaggio a ritroso nel tempo: eccomi viaggiatrice di pensieri che fuggono e s'arrestano quando il canto s'infrange su scogliere di speranza nascosta.

L'immagine può contenere: nuvola, cielo, uccello e spazio all'aperto

L'umile speranza  è la fortuna del mio cuore.

Cristo, mio amato, perchè quel giorno non gridasti anche a me: "Non piangere donna, tua figlia  dorme!" 
le mie lacrime sarebbero fiori.


L'immagine può contenere: pianta e fiore


Nessun testo alternativo automatico disponibile.


Saprò sempre amare in silenzio? Saprò sorridere anche se il cuore è triste e vorrei piangere?
E' la Grazia che mi aiuta a rendere felice chi amo, anche se mi ha portato via chi mi rendeva felice.