Camminare, camminare!

venerdì 26 maggio 2017




Parlare camminando con gli amici,  è dolce,
ci canta in cuore una gioia unica
scoprendo la presenza di Gesù
che sostiene ogni nostro  passo.


Due amici di vecchia data, ma non di anni, Antonella e Paolo, con un'altra coppia, domattina , zaino in spalla partiranno per fare un tratto della via Francigena.



Ho parlato con Antonella proprio questa mattina.

Era entusiasta e mi raccontava che già lo scorso anno e l'anno precedente, avevano fatto la medesima esperienza.

Nel primo approccio si sono recati a Campostela. 

Il famoso "Cammino di Campostela" che li ha portati ad incontrare la stanchezza e la preghiera, la spiritualità del viandante,la tenerezza dell'attesa e l'esplosione di gioia per un incontro col passato che si è fatto presente.


Immagine correlata


Lo scorso anno...partirono  con il primo tratto della via Francigena.



Risultati immagini per la via Francigena immagini
Via Francigena del nord

Risultati immagini per la via Francigena immagini
 Via Francigena del sud.


Cercherò di spiegarvi che cos'è questo cammino.

Nell’Alto Medioevo, attorno al VII secolo, i Longobardi contendevano il territorio italiano ai Bizantini. L’esigenza strategica di collegare il Regno di Pavia e i ducati meridionali tramite una via sufficientemente sicura portò alla scelta di un itinerario sino ad allora considerato minore, che valicava l’Appennino in corrispondenza dell’attuale Passo della Cisa, e dopo la Valle del Magra si allontanava dalla costa in direzione di Lucca. 
Da qui, per non avvicinarsi troppo alle zone in mano bizantina, il percorso proseguiva per la Valle dell’Elsa per arrivare a Siena, e quindi attraverso le valli d 'Arbia e d’Orcia, raggiungere la Val di Paglia e il territorio laziale, dove il tracciato si immetteva nell’antica Via Cassia che conduceva a Roma.
Il percorso, che prese il nome di “Via di Monte Bardone”, dall’antico nome del Passo della Cisa dal nome di Mons. Langobardorum, non era una vera e propria strada nel senso romano né tanto meno nel senso moderno del termine. Infatti, dopo la caduta dell' impero, le antiche tratte consolari caddero in disuso, e tranne pochi fortunati casi finirono in rovina, “rupte”, tant’è che risale a quell’epoca l’uso della parola "rotta"per definire la direzione da prendere.Risultati immagini per la via Francigena immagini selciati romani

I selciati romani lasciarono gradualmente il posto a fasci di sentieri, tracce, piste battute dal passaggio dei viandanti, che in genere si allargavano sul territorio per convergere in corrispondenza delle mansioni (centri abitati od ospitali dove si trovava alloggio per la notte), o presso alcuni passaggi obbligati come valichi o guadi. 
Più che di strade si trattava, quindi, di “aree di strada”, il cui percorso variava per cause naturali (straripamenti, frane), per modifiche dei confini dei territori attraversati e la conseguente richiesta di gabelle, per la presenza di briganti. 
Il fondo veniva lastricato solo in corrispondenza degli attraversamenti dei centri abitati, mentre nei tratti di collegamento prevaleva la terra battuta.

Risultati immagini per la via Francigena immagini selciati romani

Appare, quindi, chiaro che la ricostruzione del “vero” tracciato della Via Francigena sarebbe oggi un’impresa impossibile, poiché questo non è mai esistito: ha invece senso ritrovare le principali mansioni e i principali luoghi toccati dai viandanti lungo la Via.
Immagine correlata
Quando la dominazione Longobarda lasciò il posto a quella dei Franchi, anche la Via di Monte Bardone cambiò il nome in Via Francigena, ovvero “strada originata dalla Francia”, nome quest’ultimo che oltre all’attuale territorio francese comprendeva la Valle del Reno e i Paesi Bassi.


In quel periodo crebbe anche il traffico lungo la Via che si affermò come il principale asse di collegamento tra nord e sud dell’Europa, lungo il quale transitavano mercanti, eserciti, pellegrini.

Risultati immagini per la via Francigena immagini selciati romani

Tra la fine del primo millennio e l’inizio del secondo, la pratica del pellegrinaggio assunse un’importanza crescente.
I luoghi santi della Cristianità erano Gerusalemme, Santiago de Compostella e Roma, e la Via Francigena rappresentò lo snodo centrale delle grandi vie della fede. 
Infatti, i pellegrini provenienti dal nord percorrevano la Via per dirigersi a Roma, ed eventualmente proseguire lungo la Via Appia verso i porti pugliesi, dove s’imbarcavano verso la Terrasanta. Viceversa i pellegrini italiani diretti a Santiago la percorrevano verso nord, per arrivare a Luni, dove s’imbarcavano verso i porti francesi, o per proseguire verso il Moncenisio e quindi immettersi sulla Via Tolosana, che conduceva verso la Spagna. 
Il pellegrinaggio divenne presto un fenomeno di massa, e ciò esaltò il ruolo della Via Francigena che divenne un canale di comunicazione determinante per la realizzazione dell’unità culturale che caratterizzò l’Europa nel Medioevo. 

Risultati immagini per diari di viaggio di Sigerico immagini
È soprattutto grazie ai diari di viaggio, e in particolare agli appunti di un illustre pellegrino, Sigerico, che possiamo ricostruire l’antico percorso della Francigena. 
Nel 990, dopo essere stato ordinato Arcivescovo di Canterbury da Papa Giovanni XV, l’Abate tornò a casa annotando su due pagine manoscritte le 80 mansioni in cui si fermò a pernottare. Il diario di Sigerico viene tuttora considerato la fonte itineraria più autorevole, tanto che spesso si parla di “Via Francigena secondo l’itinerario di Sigerico” per definire la versione più “filologica” del percorso.
Risultati immagini per diari di viaggio di Sigerico immaginiRisultati immagini per diari di viaggio di Sigerico immaginiRisultati immagini per diari di viaggio di Sigerico immagini
L’uso crescente della Francigena come via di commercio portò a un eccezionale sviluppo di molti centri lungo il percorso.


I traffici commerciali crebbero a tal punto che si svilupparono numerosi tracciati alternativi alla Via Francigena che, quindi, perse la sua caratteristica di unicità e si frazionò in numerosi itinerari di collegamento tra il nord e Roma.
Tanto che il nome cambiò in Romea, non essendo più unica l’origine, ma la destinazione. 

Inoltre la crescente importanza di Firenze e dei centri della Valle dell’Arno spostò a Oriente i percorsi, fino a quando la direttrice Bologna-Firenze relegò il Passo della Cisa a una funzione puramente locale, decretando la fine dell’antico percorso.


E’ un invito rivolto ai giovani e meno giovani a percorrere a piedi i cammini d’Europa affinché, percorrendoli, possano essere richiamati al valore di società “fondate su tolleranza, rispetto degli altri, libertà, solidarietà”.

Per coloro, come Antonella e Paolo che scelgono gli itinerari spirituali, molti sono i luoghi di culto che si rivelano lungo il tratto  dell'antica Via Francigena, dalle tante, tantissime occasioni per scoprire come fermarsi a pregare in una Chiesa modesta o in un monastero o nel grande bellissimo Duomo di Siena.

Risultati immagini per Via Francigena strade, viottoli dove i pellegrini vanno immagini

 arriveremo a Roma...e poi? Buon viaggio a chi ha ancora, gambe buone, il desiderio di essere a contatto con la natura, la voglia di conoscere persone con identici ideali oppure persone a cui piace camminare ed è già un buon inizio!!!










È bella la strada per chi cammina,
è bella la strada per chi va,
è bella la strada che porta a casa
e dove ti aspettano già.

È gialla tutta la campagna
ed ho già nostalgia di te,
ma dove vado c’è chi aspetta
così vi porto dentro me...

È bella la strada per chi cammina,
è bella la strada per chi va,
è bella la strada che porta a casa
e dove ti aspettano già.
è veramente grande Dio,
è grande questa nostra vita!

È bella la strada per chi cammina,
è bella la strada per chi va,
è bella la strada che porta a casa
e dove ti aspettano già.




Ho pensato che era bellissimo viaggiare; essere  errante. 
Ora ho abbandonato l'idea che il cammino sia solo un viaggio o una meta in sé. 
Il pellegrino  cammina appoggiando i piedi sulla  terra e va cercando silenzio

stelle e musica.Accompagnato da Dio.

E questo è uno dei miei sogni:


Risultati immagini per Via Francigena scarpe di piedi stanchi immagini



Buon viaggio Antonella e Paolo con i vostri amici. Che le difficoltà siano sempre superabili e che la preghiera accompagni i vostri passi. Vi accompagno anch'io come sapete.














Festa di Maria Ausiliatrice. e anniversario della mamma Ada

mercoledì 24 maggio 2017

Maria Ausiliatrice - Basilica del Sacro Cuore di Gesù - Roma


MARIA AUSILIATRICE

La Madonna dei tempi difficili



La devozione alla Madonna, sotto il titolo di Ausiliatrice, vuole manifestare la nostra fiducia nella presenza materna di Maria nelle vicende dell'umanità, della Chiesa e di ciascuno di noi.
Maria è la Madre che non abbandona mai i suoi figli, ma li segue e aiuta con la sua intercessione.
Il titolo di Maria aiuto dei cristiani era presente, fin dal 1500, tra le litanie lauretane.
La devozione a Maria Ausiliatrice era già nota e diffusa all'epoca di S. Pio V e si propagò largamente a seguito della vittoria dei cristiani contro i turchi, a Lepanto (1571) e a Vienna (1683). 

Il Papa Pio VII, dopo la sua liberazione dalla prigionia napoleonica (1814), istituì la festa di Maria Ausiliatrice, fissandone la data al 24 maggio.



Risultati immagini per immagini belle di Maria Ausiliatrice

Il capo di Maria Ausiliatrice è esaltato con la corona di stelle e il diadema regale:Ella si manifesta come Sovrana, è la Regina del Cielo e della Terra che opera concretamente ed efficacemente per i suoi figli

La Madonna con la destra tiene lo scettro, simbolo regale di potere e di governo,
e con la sinistra tiene il Bambino Gesù che ha le braccia aperte offrendo così le Sue Grazie e la Sua Misericordia a chi fa ricorso a Maria.

Sia il diadema di Maria che quello di Gesù sono sormontati al centro da una stella:Maria è la Stella Maris, Colei che guida al porto sicuro.

Riferita a Cristo, la stella significa divinità e compimento di salvezza perchè Gesù è "la stella del mattino", l'astro che sorge portando la speranza di un giorno nuovo (Ap 22,16; 2Pt 1,19).

Risultati immagini per immagini piccole di fiori belli
Maria "Rosa Mistica"

Maria, vero e forte aiuto di tutti i cristiani, si mostra piena di potenza.

Madre di Cristo, Madre di Dio, porta a noi Gesù nelle sue braccia.
Lei è la Madre che guida, protegge, addirittura combatte per i figli,
accanto ai quali è presente, con Suo Figlio, in modo costante.
"Il Signore e la Sua divina Madre non permetteranno che si ripeta invano:
"Maria aiuto dei Cristiani, prega per noi! " (Don Bosco)



Risultati immagini per immagini di don bosco

Il titolo di Maria Ausiliatrice venne diffuso da don Bosco .In tempi particolarmente difficili per la Chiesa, San Giovanni Bosco (1815-1888)divenne l'apostolo dell' Ausiliatrice (Maria Auxilium Christianorum - Maria, aiuto dei cristiani).

Egli ne diffuse la devozione in tutto il mondo per mezzo dei suoi figli spirituali i Salesiani, le Figlie di Maria Ausiliatrice, e anche con la costruzione di uno stupendo tempio in Torino

Don Bosco nel 1862 confidava a Don Cagliero: 
«La Madonna vuole che la onoriamo sotto il titolo di Maria Ausiliatrice:
i tempi corrono così tristi che abbiamo bisogno che la Vergine Santa
ci aiuti a conservare e difendere la fede cristiana».

Risultati immagini per immagini piccole di fiori belli
Preghiera a Maria Ausiliatrice

Madre dolcissima di misericordia, Tu che ami ogni famiglia e sei attenta e premurosa per le sue necessità, intercedi presso il Figlio tuo, affinché in ogni casa non manchi l'amore e l'unità; gli sposi siano forti nelle prove e carichi di speranza nel Signore; i figli siano aperti al dialogo con i genitori e ne accolgano gli insegnamenti della vita; gli anziani siano sostenuti e non lasciati soli nel loro cammino a volte di sofferenza. In tutti si rinsaldi la fede in Gesù mediante la preghiera familiare e l'ascolto della sua Parola. Dona a tutti noi la volontà di seguire il tuo invito di "fare sempre quello che Gesù tuo Figlio ci dice".
Guarda, oh Maria Santissima, i giovani che cercano una strada nella vita: indica loro il tuo esempio da seguire nel dono di sé per gli altri, nella risposta gioiosa alle chiamate anche impegnative del Signore. Trovino nelle nostre comunità un ambiente ricco di ascolto e dialogo, per valorizzare le loro risorse creative e nuove. 

In questo tempo di crisi suggerisci ai responsabili civili ed economici del mondo del lavoro, le vie per dare loro speranza nel futuro mediante sbocchi concreti in un lavoro che permetta di formarsi una famiglia stabile e sicura per il futuro.
Maria Ausiliatrice, tu che sempre hai aiutato questa terra nei momenti difficili, mostrati ricca di grazie per tante famiglie che vivono l'angoscia della perdita di lavoro dei loro cari e soffrono per condizioni di precarietà che rende incerto il loro futuro. 
Fa' che la solidarietà e la collaborazione tra tutte le componenti sociali promuovano iniziative di sostegno per chi è nella prova, per uscirne insieme più uniti e ricchi di amore reciproco.
A Te Vergine, aiuto e protezione delle nostre diocesi, ricorriamo umili e confidenti e in Te speriamo devoti figli, oh Santa Madre e Regina. Amen. 

(Preghiera che si può leggere nella Chiesa di Maria Ausiliatrice a Torino.)

Risultati immagini per immagini piccole di fiori belli


Oggi è anche l'anniversario della morte della mamma di Paolo, mancata per un tumore, nel 1961. Mi addolora di non averla conosciuta.
Ecco il suo viso sorridente nella sua semplicità. 
Era l'anno 1960. 
E' stata "Dama della San Vincenzo de Paoli" e responsabile nell'Azione Cattolica. 
Ha cresciuto otto figli di cui il penultimo e settimo è mio marito.


Trascrivo una frase dagli appunti che lei scriveva, per le conferenze dell'A.C. 

"Gli elementi che confluiscono a formare il clima della famiglia si possono riassumere
nello spirito con cui i genitori stabiliscono il loro  rapporto di serenità vicendevole all'interno della vita famigliare, all'esterno, con la società e soprattutto con Dio." 

Era anche una Laica Francescana.

Ciao Mamma Ada,con i tuoi adorati figli e nipoti saremo alla Messa questa sera...
Risultati immagini per immagini piccole di fiori belli





I riti cari al cuore

martedì 23 maggio 2017


Risultati immagini per Immagini uomo in preghiera

Ho messo nelle Tue mani la mia anima,
ma Tu non giocarci. TU.
Maltrattala pure se vuoi,
ma non giocarci.
TU proprio TU.
Guido.
(Da una mia lettera Guido ha tolto questa immagine scrivendo quel pensiero)

Risultati immagini per Immagini  piccole di fiori

Durante la settimana, prima del giorno in cui andrò a trovare la mia mamma, scrivo una lettera o solo dei pensieri ad un "antico di anni" professore di filosofia : Guido.
Gli scrivo perchè è sordo e questo è l'unico modo che abbiamo per comunicare.
Ultimamente, lentamente ma inesorabilmente, i giorni segnano il suo declino.
Ora è un piccolo pulcino bianco, da tempo sulla sedia a rotelle. 
Lui mi parla, molto sottovoce e anche a me pare di essere sorda.
Lo incontro nella grande sala da pranzo. Nello stesso tavolo della mamma.
Quando arriviamo, lui è già seduto con la testa china, così. 
Le mani sul petto. 
Poi, lentamente si accorge di noi. 
Mi guarda,  mi riconosce e mi regala un gran sorriso, prima con gli occhi e poi con la bocca.
La mia mamma lo anticipa e mi dice "vedrai che adesso viene. Chiede sempre di te...." Guido cerca di muovere la sedia per venire da me, ama salutarmi baciandomi le mani. 
Allora gli faccio il cenno di stare fermo che vado io da lui.
Lui stringe forte le mie mani tra le sue e le bacia e io,poi, gli accarezzo il viso scarno.
Gli porgo la mia lettera.
Eccolo di nuovo sorridere felice e mi dice, farfugliando, che poi mi scriverà anche lui.
La settimana scorsa gli ho regalato un "Rosario" che a me piaceva tanto: aveva i grani bianchi e rossi con un crocifisso, non molto grande, bello.
L'ha guardato senza dire una parola, l'ha posato ben disteso sulla tavola e muto ha continuato ad accarezzarlo. 
Poi con le mani l'ha portato al petto e lo teneva, fermo, lì. 
E' arrivata una delle inservienti e per farlo mangiare, gliel'ha tolto dalle mani e glielo ha infilato in testa a mo' di collana.
Era addolorato.
Una lacrima lenta gli ha bagnato la guancia. L'ho accarezzato nuovamente. 
Io stavo per scoppiare in pianto, ma la voce della mamma mi ha richiamato perchè è  lei a cui debbo prestare attenzione e poi....aveva fame e dovevo imboccarla!


Risultati immagini per Immagini  piccole di fiori


Signore Ti prego per chi a piccoli passi, sta raggiungendo il traguardo della vita.
Sono "antichi" ma sanno ancora sognare, sono capaci di piccoli entusiasmi perchè, nei loro occhi scopriamo quell'anima giovane che è in perenne ascolto di Te, pronti a vederTi dovunque e a seguirTi se Tu li chiami.
Lo so che li ami, Signore, Ti prego  di aiutarci ad amarli di più.



Risultati immagini per Immagini  piccole di fiori

Signore vieni a mettere
qualcosa di nuovo in me,
al posto di quanto a poco a poco
vien meno col passare degli anni.

Metti in me un amore più grande,
una semplicità più serena,
una delicatezza più profonda.

Al posto dell'entusiasmo,
metti in me un sorriso di bontà per tutti:
aiutami a comprendere il mio prossimo,
a interessarmi ancora dei suoi problemi
e a non essere mai una nuvola nera
che rattrista, ma una luce discreta che rallegra.

Fa' che la memoria mi permetta
di ricordare le cose più belle e più buone
che ho avuto nella vita,
così da farne parte agli altri
e godere della loro gioia.

Fa', o Signore, che la mia fede non venga
mai meno e che io sappia umilmente
e discretamente continuare a testimoniarla.


Risultati immagini per Immagini uomo in preghiera


Benedetti quelli che mi guardano con simpatia.
Benedetti quelli che comprendono il mio camminare stanco.
Benedetti quelli che parlano a voce alta per minimizzare la mia sordità.
Benedetti quelli che stringono con calore le mie mani tremanti.
Benedetti quelli che si intessano della mia lontana giovinezza.
Benedetti quelli che non si stancano di ascoltare i miei discorsi già tante volte ripetuti.
Benedetti quelli che comprendono il mio bisogno di affetto.
Benedetti quelli che mi regalano frammenti del loro tempo.
Benedetti quelli che si ricordano della mia solitudine.
Benedetti quelli che mi sono vicini nella sofferenza.
Beati quelli che rallegrano gli ultimi giorni della mia vita.
Beati quelli che mi saranno vicini nel momento del passaggio.
   Benedetto Te Signore della Vita.


Risultati immagini per Immagini  belle di bimbi con anziani