La donna

mercoledì 8 marzo 2017







Normalmente celebro la festa della donna raccontando le motivazioni per cui è nata questa festa.

Oggi voglio cantare di lei con quello che sento nel mio cuore di DONNA.Scritto da chi sa scrivere ed emozionare







Per tutte le violenze consumate su di Lei, per tutte le umiliazioni che ha subito,
per il suo corpo che avete sfruttato,
per la sua intelligenza che avete calpestato,
per l'ignoranza in cui l'avete lasciata,
per la libertà che le avete negato,
per la bocca che le avete tappato,
... per le ali che le avete tagliato,
per tutto questo:
in piedi, Signori, davanti ad una Donna.

E non bastasse questo,
inchinatevi ogni volta che vi guarda l'anima,
perché Lei la sa vedere,
perché Lei sa farla cantare.

In piedi, Signori,
ogni volta che vi accarezza una mano,
ogni volta che vi asciuga le lacrime come foste i suoi figli,
e quando vi aspetta, anche se Lei vorrebbe correre.

In piedi, sempre in piedi, miei Signori,
quando entra nella stanza e suona l'amore
e quando vi nasconde il dolore e la solitudine
e il bisogno terribile di essere amata.
Non provate ad allungare la vostra mano per aiutarla
quando Lei crolla sotto il peso del mondo

Non ha bisogno della vostra compassione.

Ha bisogno che voi vi sediate in terra vicino a Lei
e che aspettiate che il cuore calmi il battito,
che la paura scompaia,
che tutto il mondo riprenda a girare tranquillo.
E sarà sempre Lei ad alzarsi per prima
e a darvi la mano per tirarvi su
in modo da avvicinarvi al cielo,
in quel cielo alto dove la sua anima vive
e da dove,
Signori,
non la strapperete mai.
(Autore anonimo)


Come l'aria del monte
pura, leggera, fine
che ti avvolge e ti abbraccia
e rinforza le braccia stanche;
come l'onda del lago
prudente, ingenua, felice
come carezza sul capo chinato;
come nuvola lieta
si riforma nel cielo del piano
e ti guarda e ti veglia
mentre dormi il tuo sonno agitato;
come l'acqua che sgorga
e scende ruscello dalla collina
e si calma nello stagno
di un amore grande come il mondo;
come il vento del mare
che soffia potente ma non urla
e ti prende la mano
e la stringe e ti senti contento.
Tutto questo può essere una donna. 
(Domenico che chiamavo Dò.)








O Maria, donna del sì,
l'Amore di Dio è passato attraverso il Tuo Cuore
ed è entrato nella nostra tormentata storia
per riempirla di luce e di speranza.
Noi siamo legati profondamente a Te:
siamo figli del Tuo umile sì!
Tu hai cantato la bellezza della vita,
perchè; la Tua anima era un limpido cielo
dove Dio poteva disegnare l'Amore
e accendere la luce che illumina il mondo.

O Maria, donna del sì,
prega per le nostre famiglie,
affinchè; rispettino la vita nascente
e accolgano e amino i bambini,
stelle del cielo dell'umanità.
Proteggi i figli che si affacciano alla vita:
sentano il calore della famiglia unita,
la gioia dell'innocenza rispettata,
il fascino della vita illuminata dalla Fede.

O Maria, donna del sì,
la Tua bontà; ci ispira fiducia
e ci attira dolcemente a Te
pronunciando la più; bella preghiera,
quella che abbiamo appreso dall'Angelo
e che vorremmo che non avesse mai fine:
Ave o Maria, piena di grazia


6 commenti:

  1. Cara Lucia, oggi si festeggia la donna!!! purtroppo è stata trasformata in un festa commerciale, troppi interessi sorgono con queste ricorrenze.
    Per non sbagliare io dico che quel lontano 8 marzo ricordiamolo co un po di tristezza ricordando le vittime che con tanto coraggio anno portato avanti la ricorrenza...
    Cara Federica, anche i dolci stai facendo per la festa della donna, 8 marzo che dedichiamo alla donna è un ricordo di quel l'ontano 8 marzo e non alla festa commerciale che la società a creato!!!
    Ciao e buon 8 marzo cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione caro Tomaso. Io ho sempre dato poca importanza a questa festa "commerciale" Sul blog ho spiegato più volte la ragione di questa festa oggi privata della sua cultura storica. Quest'anno ho deciso che meritiamo qualche accenno poetico. Buona serata e un sorriso eccezionale!

      Elimina
  2. Una cattolica dovrebbe spiegarmi perché la donna nasce da una costola dell'uomo, perché nessun discepolo era una donna, perché una donna non può fare il prete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona sera Gus!:Proprio ieri ho scritto un post parlando dell'orgoglio. Oggi ti confermo di essere orgogliosa della mia cattoliticità. Sono una semplice catechista e non mi permetto di insegnare a chi parla come un esperto in Teologia. Non potrei mai reggere il confronto!!! Ho frequentato il primo anno di Teologia nel Seminario di Novara e poi ho interrotto perchè in quella dolorosa settimana di marzo 1980, è morta la mia Valeria, il fratello di un seminarista e il Paolo figlio di una mia cara amica è morto a 8 anni, anche lui bruciato nella macchina che si era scontrata con un'altra autovettura. Lilliana, la madre, è rimasta ustionata nel tentativo di salvare il figlio. Eravamo tutti e tre nella stessa classe. Lilliana ha ripreso gli studi dopo due anni, è stata bravissima. Io ero troppo turbata: mi sentivo anche in colpa per non essere mai riuscita ad andare a trovarla a Pavia, (grandi ustionati), lei che chiedeva insistentemente una mia visita. Ci siamo ritrovate, proprio in cimitero, le tombe erano e sono vicine, e non riusciamo a parlare: Ci siamo guardate , abbracciate e insieme abbiamo pianto.
      Come vedi ho postato il tuo commento, purtroppo a tarda ora, nel pomeriggio non apro il pc. Inoltre come forse saprai, si apre un commento salutando il padrone di casa. Il mio nome è Lucia e, come sempre se ne esce salutando. Buona serata Mr. Gus Omar Orsini.

      Elimina
  3. Ciao Lucy, conoscevo quelle espressioni sulla donna ma lette da Benigni sono ancora più emozionanti.
    Tutto molto bello il tuo post.
    Spero tu stia trascorrendo una giornata serena.
    Un bacione
    Dani

    RispondiElimina
  4. Grazie Dani. Dopo la nostra telefonata ho parlato col dr. Zaccala: posso togliere il bustaccio perchè la frattura si è fissata, non guarisce, ma non peggiora. Il dolore c'è e non se ne andrà. Però mi ha comunicato un fatto spiacevole. Nella lastra compare un'ombra, un alone, che non si capiscxe a cosa attribuirlo: fare immediatamente Tac e Risonanza. Non sono ottimista, ma l'ho già ripetuto, a me stessa e a voce alta, che "sia fatta la Tua volontà". Domani Ada mi fisserà, se sarà possibile le date per questi due "esami?" Bacione a domani.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o