Martin Luther King. Parole

9 comments


L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi e spazio all'aperto




«La persona che ti odia di più, ha qualcosa di buono dentro di sé; e anche la nazione che più odia, ha qualcosa di buono in sé; anche la razza che più odia, ha qualcosa di buono in sé. E quando arrivi al punto di guardare il volto di ciascun essere umano e vedi molto dentro di lui quello che la religione chiama “immagine di Dio”, cominci ad amarlo nonostante tutto. Non importa quello che fa, tu vedi lì l’immagine di Dio. C’è un elemento di bontà di cui non ti potrai mai sbarazzare […] Un altro modo in cui ami il tuo nemico è questo: quando si presenta l’opportunità di sconfiggere il tuo nemico, quello è il momento nel quale devi decidere di non farlo […] Quando ti elevi al livello dell’amore, della sua grande bellezza e potere, l’unica cosa che cerchi di sconfiggere sono i sistemi maligni. Le persone che sono intrappolate da quel sistema le ami, però cerchi di sconfiggere quel sistema […] Odio per odio intensifica solo l’esistenza dell’odio e del male nell’universo. Se io ti colpisco e tu mi colpisci, e ti restituisco il colpo e tu mi restituisci il colpo, e così di seguito, è evidente che si continua all’infinito. Semplicemente non finisce mai. Da qualche parte, qualcuno deve avere un po’ di buon senso, e quella è la persona forte. La persona forte è la persona che è capace di spezzare la catena dell’odio, la catena del male […] Qualcuno deve avere abbastanza fede e moralità per spezzarla e iniettare dentro la stessa struttura dell’universo l’elemento forte e potente dell’amore». (Martin Luther King).


In foto (Malala Yousafzai e suo padre davanti al memoriale per Martin Luther King di Washington)
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

9 commenti:

  1. Si accosta a tanti ma non parla mai di Cristo e di conseguenza di Dio.
    Conseguì il Dottorato in Filosofia il 5 giugno 1955.
    In seguito si scoprì che alcune porzioni della tesi di laurea di King furono copiate, sebbene rimanesse indiscusso il valore politico del lavoro. Nel 1954, ebbe diverse offerte, sia da alcune chiese che da alcuni college, di cui una dalla chiesa battista di Dexter Avenue a Montgomery, in Alabama, che accettò volentieri.

    da Wiki.

    Bacio Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luther King: parlava da uomo ferito a degli uomini non riconosciuti come tali perchè avevano la pelle di un altro colore! Non Credeva in Cristo? Ma parlava come Cristo! Ed è morto per l'amore verso i fratelli. Gus, Gus...cosa scrivi? Cosa giudichi? Ha copiato e allora? Quello che diceva, quello di cui ha avuto il coraggio di lottare vale cento, mille volte quello che ha copiato. Guarda come i neri d'America oggi vivono? Domani con l'albino Trump non so.....Va bene Bacio

      Elimina
  2. Buonasera Lucia, bellissimo post...ti auguro una buona serata!

    RispondiElimina
  3. Sai Lucia che a queste parole di Martin Luther King, ne parla Papa francesco nell'Esortazione Apostolica Amoris Laetitia sul perdono?
    Ciao bella, buonanotte♥
    Bacione
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ho fatto bene a parlartene? Buonanotte Dani.

      Elimina
  4. Si Lucia certamente lo citerò nella mia lectio.
    Buona giornata!♥
    Dani

    RispondiElimina
  5. Martin Luther King è una delle persone che ho sempre ammirato di più. Probabilmente non era perfetto ma aveva la capacità di tirare fuori il meglio dalle altre persone.
    A presto.

    RispondiElimina
  6. Era un Uomo che amava i suoi simili e soprattutto amava la Libertà. Ricordi "Ihave a dream? Noi tutti abbiamo dei sogni....solo piccoli sogni! Dobbiamo imparare a pensare con tanto amore....faccio ancora in tempo vero? Buonaserata io ho ancora un bellissimo film da gustare. Un film dove c'è una bellissima bimba col capottino rosso. Hai capito? A presto.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o