Lettera di Papa Francesco ad un amico.

8 comments
Risultati immagini per Immagini sorridenti del santo padre
Mi fa bene al cuore e mi consola tanto sapere che da più di duecento Santuari Mariani in Italia e nel mondo, tante persone hanno intrapreso il cammino della misericordia nello spirito della condivisione con i  bisognosi.
I poveri infatti ci rammentano l'essenziale della vita cristiana.
Sant'Agostino insegna:
"Ci sono alcuni che più facilmente distribuiscono tutti i loro beni ai poveri, piuttosto che loro stessi divenire poveri in Dio."
Questa povertà è necessaria perchè descrive ciò che abbiamo veramente nel cuore: il bisogno di Lui.
Perciò andiamo dai poveri, non perchè sappiamo già che il povero è Gesù, ma per tornare a scoprire che quel povero è Gesù.
Sant'Ignazio di Loyola a sua volta aggiunge che "la povertà è madre e muro.
La povertà genera, è madre, genera vita spirituale, vita di santità, vita apostolica. Ed è muro: difende.
Quanti disastri ecclesiali sono cominciati per mancanza di povertà".

In un mondo lacerato dalla logica del profitto che produce nuove povertà e genera la cultura dello scarto, non desisto dall'invocare la grazia di una Chiesa povera per i poveri.
Non è un programma liberale, ma un programma radicale perchè significa un ritorno alle radici.
Il riandare alle origini non è un ripiegamento sul passato, ma è forza per un inizio coraggioso rivolto al domani.
E' la rivoluzione della tenerezza e dell'amore.
Testimoniate con coraggio l'autenticità della vita cristiana.
A tutti e a ciascuno invio di cuore la benedizione del Signore.
Per favore non dimenticate di continuare a pregare per me.
Francesco

Santo Padre, piccola come sono, prendo un po' di coraggio e umilmente Le confermo che   le parole da Lei inviate ad un gruppo di amici, sono perfette per indicare a me e a chi le leggerà su questo blog,, dove debbo e dobbiamo guardare per poter continuare il cammino, in modo da testimoniare con coraggio l'autenticità della vita cristiana.

Prego sempre per Lei. Prego anche per tutti coloro che disperatamente cercano Cristo come il fratello, nella certezza di trovare l'amore che rende sereno il cuore.
Chiediamo a Maria santissima di renderci aperti come ha fatto lei alla sorpresa con cui il Mistero ci visita oggi. Buona giornata!


Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

8 commenti:

  1. Cara Lucia, penso che siamo molto fortunati, abbiamo un Papa che non finisce mai di stupirci.
    Ciao e buona giornata cara amica con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Tomaso ed è tanto umile che riconosce di aver bisogno di preghiere! Un sorriso!

      Elimina
  2. Penso che il Papa abbia capito che la Chiesa deve cambiare ma non sa come fare. Ci sono potentati con poca spiritualità e fame di potere. IOR e Opus Dei.
    Bacio Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gus Francesco porta gli occhiali ma ci vede benissimo! Bacio e Buonanotte.

      Elimina
  3. Sono d'accordo con Gus, ma a differenza di lui, penso che Francesco sappia benissimo cosa e come fare.
    Non lo fa perché non è che di Papa Luciani ce ne siano poi tanti.
    Eppure.. chi giunge al Soglio, non dovrebbe avere paura di nulla e nessuno.
    Prego che il coraggio assista anche Papa Francesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo Franco per due motivi: il primo perchè hai scritto "prego"
      Il secondo perchè vieni a trovarmi!!! Buona serata! La mogliettina come va?
      Ho conosciuto Papa Luciani di persona quando era Vescovo a Vittorio Veneto.
      Un incontro particolare e buffo. Forse potrei fare un post!!! ma, chissà....

      Elimina
    2. ahah.. la mogliettina va bene.. assiste il malato da ormai sei mesi con amore e dedizione... non potrei chiedere di più...

      Elimina
    3. Franco è cos' tanto tempo che non stai bene? Mi dispiace...Un bacio alla mogliettina.

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o