Ho camminato sotto la pioggia

1 comment


Era necessario che io facessi una commissione per una cara signora che mi aveva pregato, se potevo, farle quel tale piacere.
La pioggia (argomento in auge da qualche mese) scendeva con violenza. Nel cielo scuro di nubi arrabbiate non promettevano neanche un attimo di riposo.
Dovevo andare altrimenti il negozio avrebbe chiuso. 
Paolo aveva già fatto troppi accompagnamenti. No, mi sarei arrangiata.
Ombrello in una mano, borsa a tracolla e bastone nell'altra.
Ho camminato sotto quel diluvio e mentre camminavo attenta alle pozzanghere più grandi ho pregato il mio Angelo custode. Poi, non so perchè,  ho pensato che ero stata chiamata non per servire, ma per essere presa a servizio. Inutile che mi affatico per inventare lo svolgere della mia giornata, questo compito me lo dà Dio, Lui stesso decide per me: sono una di quelle gocce che da tempo sono state preparate. 
Tutto quello che dovevo fare era continuare a camminare, cercando di non bagnarmi troppo. Dovevo andare avanti per vedere a cosa sarei potuta servire.
Ho eseguito il compito che mi avevano chiesto. 
Mi sono bagnata un po' ed ero felice. 
Sì sotto l'ombrello che mi riparava abbastanza, ho capito che  era la mano grande di Dio che mi proteggeva. 
Il mio cuore era leggero.
Ieri sera però sono arrivati i soliti malanni.
Ora, tra poco, andrò a Milano. Prima scenderò in cortile a cogliere qualche fiore per la mia mamma...se la pioggia li ha risparmiati.
Ieri ho vissuto un vero momento d'incontro. 
Poi, a Milano, ne avrò un'altro, diverso, ma sempre da vivere intensamente.



Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

1 commento:

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...