L'immagine di Dio.

sabato 16 aprile 2016


Ho trovato questa immagine su Google. 


Quante volte ho giocato  a: che cosa vedi nelle nuvole? 
Ma quest'immagine è veramente particolare
Ognuno può pensare ed usare la sua fantasia. Io non mi pronuncio, perchè mi riesce molto difficile, anzi quasi impossibile, far combaciare la mia idea di Dio con l'immagine comune che ce lo rappresenta: un vecchio dalla folta barba bianca come i capelli riccioluti e lunghi e con abiti lunghi e fluttuanti.
Il mio Dio non è vecchio no,ma non lo immagino, non ho mai pensato a donargli un'immagine. 
E' Lui, un qualcosa che mi fa pensare alla bellezza all'armonia, o forse al pescatore de il "Vecchio e il mare"? (del libro non Tracy del film) 
Avere, crearsi un'immagine di Dio è alquanto banale e Lui proprio non lo è. 
Nella mia mente Dio è una preghiera. Semplice. Lui, Dio, è eterno.

Dio è venuto sulla terra e ci ha regalato Gesù.
Dio si è fatto uomo per salvarci, sarebbe venuto anche per salvare uno solo di noi. Pare una pazzia ma è la più grande prova d'amore che ci poteva dare.  

Capire questo amore, capirlo in tutta la sua profondità è difficile. 
Comprendere completamente tutto questo nascere, vivere, insegnare, amare e morire....che è il pieno significato di un cuore amante.

Gesù: morire per noi, farsi uccidere da noi per salvare noi: se non fosse la verità sarebbe un assurdo, ma Dio è meravigliosamente pieno di momenti, parole che, come dicevo prima, non capiamo. 
Occupa i giorni della mia vita, della mia vita intera. 
Forse lo capirò nel momento supremo....

Spesso ascolto persone che pensano che essere cristiani significhi chinare sempre il capo. A volte lo si fa, ma so che devo essere fiera della mia fede. Su la testa, Lucia e cammina! 

Signore, come combattente  sono una mezza cartuccia. Parlo di Te, parlo del Tuo amore, cerco di metterlo in pratica, di urlarlo dai tetti....ma come posso salire sui tetti se faccio persino fatica a fare le scale? 
Io combatto la battaglia con il sorriso ma Tu donami un'anima chiara come l'acqua di un ruscello di montagna. Aiutami ad essere sempre più generosa verso chi non comprende il mio amare con gli occhi, con la carezza delle mani stanche, con l'abbraccio non più forte ma sincero: fammi libera come il vento e arrendevole alle parole di derisione.
Fa' che non mi dichiari vinta se non dal Tuo amore.

Questa sera e domani nella S. Messa Ti dirò grazie per quel  grande sorriso di tenerezza  che mi hai donato: la mia vita.

2 commenti:

  1. Cara Lucia, è veramente una immagine suggestiva!!!
    Ciao e buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Tomaso buona domenica anche a te

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o