L'anima spezzata

6 comments


Avvolta, così consumata da
Tutto questo male
Se mi chiedi, non
So da dove cominciare

Rabbia, amore, confusione
L’oro non rotola da nessuna parte
So che c’è un posto migliore
Perché Tu mi ci porti sempre

Sono venuta da Te con una fede spezzata
Mi hai dato più di una mano da stringere
Mi hai afferrato prima che cadessi a terra
Dimmi che sono al sicuro, ci sei Tu con me

Prenderesti il timone
Se io perdessi il controllo?
Se fossi sdraiata qui
Mi porteresti a casa?

Potresti prenderti cura
Di un’anima spezzata?
Puoi stringermi adesso?
Oh, mi porterai a casa?




Il male ci avvolge e ci consuma. Chiediamo a Dio di prendersi cura di un’anima spezzata. Le Sue parole scoprono le ragioni dei nostri pensieri più oscuri e ci liberano dal male perché «Così dice il Signore: “Come la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare, perché dia il seme a chi semina e il pane a chi mangia, così sarà della mia parola uscita dalla mia bocca: non ritornerà a me senza effetto, senza aver operato ciò che desidero e senza aver compiuto ciò per cui l’ho mandata».» (Is 55, 10-11). Un giorno ci porterà a casa, ma ci farà bene la distanza, il tempo trascorso nell’attesa dell’incontro: in silenzio.

«Appena una persona conosce ciò che le è stato detto per il suo profitto, non ha più bisogno di pronunciare né di ascoltare parole, ma di agire davvero con silenzio e con cura, in umiltà, carità e disprezzo di sé, senza andare subito in cerca di novità, ricerca che serve solo a soddisfare l'appetito in cose esteriori (senza poterlo saziare) e a rendere lo spirito fiacco e vuoto, privo di ogni virtù interiore. La maggiore necessità che abbiamo è quella di tacere con l'appetito e con la lingua dinanzi a questo Dio, il cui linguaggio, che Egli solo ode, è l'amore silenzioso» (Giovanni della Croce, Lettera del 22 novembre 1587).
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

6 commenti:

  1. Che bella riflessione, specialmente in un periodo storico in cui il silenzio è davvero un privilegio! Viviamo perennemente avvolti nel rumore e nello stordimento... e così spesso ci dimentichiamo di ascoltare noi stessi e Colui che ci parla attraverso il nostro cuore.

    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amo il silenzio specialmente quando nell'aria volano parole che vivono quanto un respiro.....Buona notte Mr. Loto. Grazie di essere passato. Lucia

      Elimina
  2. La poesia è tua? bellissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Fiore cara è bellissima ma non è mia sono le parole di una canzone.....Buona notte

      Elimina
  3. La paura può più della felicità.. sappilo

    RispondiElimina
  4. FRANCO felicissima di leggerti, non mancherò ad un solo post. Grazie e abbraccio. Buona serata!

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o