Camminare

4 comments
Risultati immagini per impronte di passi immagini


La vita è un cammino!
E' una definizione scritta  tante volte, ma cosa significano queste parole, per me?

Il mio desiderio è quello di camminare nelle "orme" lasciate da Cristo.

Sulla sabbia è facile riconoscerle!

Quando penso di essere arrivata ecco che arriva la stanchezza. 
Mi fermo un attimo. 
Mi siedo. 
Debbo riprendere subito: altrimenti diventa difficile, perchè il vento, l'acqua potrebbe  cancellare le impronte e potrei perdermi.

Cammino china sotto il peso dei pensieri. 
Debbo fare chiarezza: debbo rivedere la mia giornata, ora, stanca, sì, ora: scuoto la polvere dai miei abiti spiegazzati, scuoto i pensieri negativi, i gesti d'insofferenza, le risposte sgarbate, via, via!

Ora finalmente sento di poter sorridere a tutto quello che c'è stato di buono.

Le carezze alle mani della mamma, aver parlato con gli altri pazienti anche con quelli antipatici, non ho disturbato Paolo alla guida con parole da guidatrice provetta. In Silenzio ho pregato e la strada è diventata più breve.

L'immagine ora, nella limpidezza del giorno e dell'aria, che si offre al mio sguardo è la fantastica corona delle Alpi, imbiancate da neve fresca e,a poco a poco dentro di me arriva la pace.

Tutto succede perchè non sono sola, perchè il mio camminare non è infruttuoso, perchè il Signore è vicinissimo e giorno dopo giorno imparo a sentire la Sua presenza, la Sua Musica.

Cammino alla ricerca di me stessa.
Per poter capire e amare meglio il mio prossimo.

Questo è il giusto cammino della Vita!



Itaca


Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga
fertile in avventure e in esperienze.
I Lestrigoni e i Ciclopi
o la furia di Nettuno non temere,
non sarà questo il genere d’incontri
se il pensiero resta alto e il sentimento
fermo guida il tuo spirito e il tuo corpo.
In Ciclopi e Lestrigoni, no certo
né nell’irato Nettuno incapperai
se non li porti dentro
se l’anima non te li mette contro.
Devi augurarti che la strada sia lunga
che i mattini d’estate siano tanti
quando nei porti – finalmente e con che gioia –
toccherai terra tu per la prima volta:
negli empori fenici indugia e acquista
madreperle coralli ebano e ambre
tutta merce fina, anche aromi
penetranti d’ogni sorta, più aromi
inebrianti che puoi,
va in molte città egizie
impara una quantità di cose dai dotti.
Sempre devi avere in mente Itaca
– raggiungerla sia il pensiero costante.
Soprattutto, non affrettare il viaggio;
fa che duri a lungo,per anni, e che da vecchio
metta piede sull’isola, tu, ricco
dei tesori accumulati per strada
senza aspettarti ricchezze da Itaca.
Itaca ti ha dato il bel viaggio,
senza di lei mai ti saresti messo
in viaggio: che cos’altro ti aspetti?
E se la trovi povera, non per questo Itaca ti avrà deluso.
Fatto ormai savio, con tutta la tua esperienza addosso
Già tu avrai capito ciò che Itaca vuole significare.
Costantinos Kavafis, Cinquantacinque poesie,
traduzione e cura di Margherita Dalmati e Nelo Risi, Torino, Einaudi, 1968, p. 63
.
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

4 commenti:

  1. che bello questo nuovo template! complimenti ad Ande! bella la foto....figlia e nipoti immagino.... ciao Lucia!!

    RispondiElimina
  2. Fiore ti piacciono i miei monelli simpatici? Sono i miei tre nipoti: Elena che ha 16 anni, Giacomo di 8 e Francesco di 6 (li compirà il prossimo 26)
    Sono la loro nonna strafelice e molto orgogliosa di loro. Bacio.

    RispondiElimina
  3. Complimenti per i tuoi splendidi nipoti.
    Bellissimo template, delicato e tenero.
    Buona domenica ^_^

    RispondiElimina
  4. Ciao Saray. Tutto bene? Mille baci

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...