Conoscere volti nuovi Derek Walcott

5 comments


Tempo verrà
in cui, con esultanza,
saluterai te stesso arrivato
alla tua porta, nel tuo proprio specchio,
e ognuno sorriderà al benvenuto dell'altro
e dirà: Siedi qui. Mangia.
Amerai di nuovo lo straniero che era il tuo Io.
Offri vino. Offri pane. Rendi il cuore
a se stesso, allo straniero che ti ha amato
per tutta la tua vita, che hai ignorato
per un Altro e che ti sa a memoria.


Dallo scaffale tira giù le lettere d'amore,
le fotografie, le note disperate,
sbuccia via dallo specchio la tua immagine.
Siediti. È festa: la tua vita è in tavola.






La poesia è Amore dopo amore.
L'autore ha vinto il Premio Nobel per la letteratura. Vive nell'isola caraibica di Santa Lucia e il suo orizzonte di sguardo è il suo mare di cui afferma: "gente di mare, cristiana e intrepida".
Leggendo la poesia incontro degli imperativi che sono però "inviti", momenti di tenerezza.
Consegna tutto, i tuoi ricordi più profondi,non negargli niente di te, neanche i momenti oscuri: Lui sa tutto.
"Siediti. E' festa: la tua vita è in tavola".


Il nostro cuore torna a casa!
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

5 commenti:

  1. Cara Lucia, veramente un post che è chiaro, l'invito che tutti noi vorremmo avere, per sentire la vera famiglia trasmessa come una poesia infinita, brava! Complimenti cara amica e buona giornata.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Cara Lucia, è bello passare da te qui si sente il calore di famiglia e tutto parla di poesia...
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Tomaso non sei stato bene? Ho sentito la tua mancanza. Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  4. molto bello questo scritto. ciao Lucia a presto

    RispondiElimina
  5. Ti ho appena risposto sulla mail. Ma rinnovo gli auguri per una serena serata col maritino!

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o