Bimba siriana

sabato 3 ottobre 2015


una bimba siriana che gattona davanti ad un plotone di agenti turchi .


Chi accoglie

uno di questi piccoli, in nome mio

accoglie me

e chi accoglie me

non accoglie me,

ma Colui che mi ha

mandato (Mc 9,37)


"E Gesù, chiamato a sé un piccolo fanciullo,  disse: «In verità vi dico: se non vi convertite e non diventate come piccoli fanciulli, voi non entrerete affatto nel regno dei cieli. Chi dunque sarà umile come questo piccolo , sarà il più grande nel regno dei cieli." Mt 18,1-5


È come se Gesù volesse trattenere tra le sue braccia la debolezza di chi desidera essere difeso.






6 commenti:

  1. Perché crescendo perdiamo il candore dell'innocenza?
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gus! Come va?
      Perchè cresciamo. Era già tutto previsto........tutto. L'Amore, il Dolore. La Morte. La Ressurrezione. Tutto per quell'innocenza persa! Bacio.

      Elimina
  2. È un immagine con un forte impatto emotivo.
    Gesù voleva dirci proprio questo: guardate come sono "semplici e puri" i pensieri dei bambini. Così dovremmo essere noi. E invece noi adulti ci armiamo e facciamo sgorgare sangue per difendere le nostre proprietà, per avere sempre più denaro, per dimostrare di avere ragione... che tristezza.
    Se soltanto tutti noi ci ricordassimo di come era facile chiedere scusa, perdonare, sorridere, fare amicizia quando eravamo bambini....
    Un caro saluto e l'augurio di una serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona domenica Mr. Loto! Sai che è ancora facile chiedere scusa, perdonare, sorridere e fare amicizia! L'unica cosa che, forse, non riusciamo a cambiare è l'innocenza dello sguardo. Un abbraccio.

      Elimina
  3. Parole toccanti che invitano alla riflessione. Buon pomeriggio

    RispondiElimina
  4. Ciao Simo. Grazie di tutto! Buona domenica.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o