Maschere e Ceneri

21 comments

Enrico, un'amica e Ada 1986



Domani a Novara, sarà l'ultimo giorno di carnevale.

Con i miei figli io ho scoperto la gioia del travestimento. In Parrocchia si studia un tema che sarà poi indicativo per la scelta delle maschere.
  

Scoprii il "carnevale" vedendo il film "I Vitelloni" dove nel desiderio di cercare il divertimento, c'era tanta tristezza. 

Il mio carnevale a Milano, si chiamava curiosità. Andavo nelle strade del centro per vedere le"maschere". 
Ricordo la forte stretta della mano della mia mamma, il chiasso che si faceva ritmo e musica e la paura della folla. 
Era un carnevale che, in un tono minore, è poi arrivato in televisione che ai miei occhi stupiti, diventava grottesco con i carri e le grandi maschere di cartapesta attorniate da tante, ma tante persone, che ballavano non appena gli si tiravano i fili che qualcuno muoveva. Figure che dal sottofondo della strada venivano proiettate su di un cielo pallido dallo schermo vuoto.

L'infantile candore dei bambini spariva nella folla camuffata da felicità. 




Le maschere sono una cosa tremendamente seria: è come se in quei travestimenti perdessimo la nostra vera identità, le nostre emozioni e passioni per trovarne altre che dureranno un sol giorno. 

Goldoni: Lui era una persona magica. Arlecchino, Pantalone, Brighella, Colombina chi li ricorda più! Eppure in quelle fiabe si conosceva l'amore (non quello vero, quello caricaturato), e poi un briciolo di disonestà. Rivedrei ancora con piacere "Arlecchino servo di due padroni" "Le baruffe Chiozzotte" e tante altre commedie, perse anche nella mia memoria.
Le maschere sanno ridere, sorridere e piangere con una gravità composta, che vi acquista in un certo senso, una particolare armonia.

Mascherando i miei figli ho scoperto il divertimento , giocando con loro e i loro personaggi imitati: Zorro, Mary Poppins, La Fatina, Il Cawboy , il Bacio Perugina, per arrivare in fondo alle lattine delle bibite preferite.




Mercoledì arriveranno le "ceneri".

Le stelle filanti penderanno ancora dai balconi, sfilacciate e colorate: dondolando al vento, come lunghi capelli recisi.

Sulla piazza della Chiesa ci sarà un tappeto di coriandoli e qualche bimbo ne raccoglierà qualche manciata e li farà volare nell'aria fredda.

Ci sarà un silenzio nuovo. 
Nelle Chiese, all'inizio della S. Messa, il Sacerdote ci porrà sulla nostra testa china la cenere per ricordarci la morte attraverso una realtà umile ma viva: la polvere. La polvere che è fatta di strade, di mattoni, di cose consumate, la polvere che è la vita percorsa e la vita che rinasce.

La polvere che era all'inizio dell'uomo: la polvere da cui fu tratto, nella sua prima nascita e dalla quale risorgerà alla fine nell'ultimo giudizio. 

Poi a cerimonia terminata, mi passerò una mano nei capelli e sulla fronte per togliere quella traccia di cenere finissima e azzurrina......color foglie d'ulivo.

La polvere della mia viva verità.




Rileggendo scopro che forse le maschere che ho descritto sono il riflesso del mio umore che in questi giorni mi accompagna.

Quando c'era l'entusiasmo di giorni nuovi dove il mondo cantava:  in tutto ciò in cui m'impegnavo c'era il profumo della gioia. 

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

21 commenti:

  1. Ciao Lucia.
    È splendido il modo in cui hai descritto il Carnevale, secondo il tuo punto di vista.
    A Milano si è sempre vissuta, questa festa, in modo diverso rispetto alle zone in cui vivo io.
    Il Mercoledì delle ceneri invece è molto sentito e molto alta è la partecipazione dei fedeli a questa ricorrenza.
    Bene, altro non dico se non...un grande abbraccio, buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Non sono stata troppo seria? ...mi pareva! Grazie Pia Buona giornata

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Ciao Lucia, per fortuna il carnevale dura poco, Passati gli anni in cui le mie figlie erano piccole non l'ho più festeggiato. Un abbraccio e buonanotte ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. . Abbraccione.Domani mattina S. Messa con imposizione delle ceneri

      Elimina
    2. Domani le Ceneri, poi la Quaresima e prima l'Avvento. Ma l'uomo non cambia. Se gli acciacchi un piede diventa un diavolo-leone e ti sbranerebbe.
      Si celebra solo un rituale vuoto e insignificante.
      Il cristianesimo è solo un ectoplasma di Cristo.
      va', vai a dormire che è meglio.

      Elimina
    3. Ma stai parlando con me? Che tono sgarbato!
      L'uomo non cambia! Tenta di cambiare con tutte le sue forze, ma siamo di carne e soprattutto non infallibili. Se fosse veramente un rituale vuoto e insignificante....perchè lo fai? Perchè vai a Messa?
      Quanta grazia in quei rituali! Bacio sincero.
      Ho rimesso la moderazione.....per tanti perchè, come hai fatto a postare il commento? Sono ugualmente contenta. Io aspetto la tua voce amica. Adesso sì vado a dormire! Buonanotte

      Elimina
    4. Ho trovato un nuovo blog che ancora deve essere indicizzato da Google.

      Ma se metti l'url nella barra degli indirizzi esce fuori che:

      Sono la nonna di tre bellissimi nipotini. Vi dico subito i loro nomi: Elena, Giacomo e Francesco.
      Con questo Blog vorrei tentare di incuriosirvi un po' Subito, subito: (come dicono le nonne) metto le mani avanti: Non so se riuscirò ad incuriosirvi.

      Il nido della nonna Birdye è un Blog dedicato ai bambini. Vuole offrire un contributo all’impegno che genitori e insegnanti hanno nell’educare alla bellezza i bambini. Una passione a “entrare” nella realtà in modo positivo: curioso di capire e di scoprire.

      Vorrei farvi partecipare con brevi racconti, filastrocche, canzoni, storie, il “giallo” con l’enigma da risolvere.

      Giochi da fare in gruppo, costruire oggetti utilizzando vecchi materiali, labirinti, cruciverba e tanto altro.

      Ci riuscirò? Aspetto le vostre impressioni....almeno un ciao!

      Un bacio e un abbraccio che sanno di Nutella!



      Pubblicato da Lucia Nadal a 12:41

      Elimina
    5. L'indirizzo (URL) da inserire nella barra degli indirizzi è:

      http://quasiungioco.blogspot.it/

      Elimina
    6. Ho tentato di inserirlo.....aspetta mi è venuta un'idea....provo ancora...torno

      Elimina
    7. Niente da fare. Non rimane inserito.

      Elimina
  5. A me il carnevale non è mai piaciuto, nemmeno da ragazzino; smisi subito di mascherarmi e sono state ben poche le volte che mi sono realmente divertito durante questa festa. Forse però, c'è bisogno anche di questo; è l'antitesi della Quaresima, è il contrario del sacrificio e del dialogo interiore .... e, come sai, per essere compresa fino in fondo la luce ha bisogno delle tenebre, il bene del male etc etc...
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei scrivere la mia storia e il carnevale, vissuto molto con i miei figli i loro amici e i loro cuginetti.
      Del carnevale mi piacciono le "chiacchiere" Una volta le impastavo e friggevo io, mandando i bimbi da mia cognata del primo piano. Creata una zuppiera, dopo cinque minuti ritornava vuota e io ricominciavo....Adesso Paolo le compera e io le mangio!!! Ciao Mr. Loto.

      Elimina
  6. Lucia, non siamo più co-autori dei nostri blog.
    Non devi inviarmi le mail perché tutto deve accadere nel blog e non fuori di esso.
    Vai a farti mettere la Cenere sul capo con questa intenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che intenzione è?Sul blog posso dire davvero quello che voglio? Domenica scorsa mi hai dato una strigliata che non finiva più!
      Tutto per delle frasi che arrivavano da fuori blog! Adesso il sonno se n'è andato....!Allora mi sgridavi perchè: tante parole e non saper amare..... E perchè usi toni diversi non son forse anch'io il tuo prossimo che ha bisogno di essere compreso? Per me questa parabola non si può attuare?
      Sì, non siamo più coautori e, come hai detto tu, non si torna indietro.
      Ma parlare serenamente si può? I tuoi amici/che, sono più contente se io non ci sono. E, forse, anche qui, se non ci sei tu. Ultimamente e anche prima, c'erano due stili di vita che non ti si addicevano....Guarda il commento precedente:...vai....vai a dormire!
      Ti pare che cospargersi di cenere per delle mail sia un motivo valido?
      Ma cosa ti succede? Lo so che la mancanza di Bruna si fa' sentire sempre più, non pensi che valga anche per me per una ragazzina di cui sento ancora il tepore dei baci......
      Lucia...va' va' a dormire (Volevi forse alludere ad altre parole?)
      Io lo sapevo che più passavano i giorni più ti irritavi. Comunque c'è il pensiero di te!. Buonanotte serena

      Elimina
  7. Il nuovo blog mi sembra in regola. Prima che sia indicizzato da Google passano più di sette giorni.
    Intanto tu comunica a Google l'URL del nuovo blog utilizzando questo form:

    http://www.google.it/add_url.html

    RispondiElimina
  8. Io credo che tutti gli utenti che partecipano al blog debbano avere le stesse opportunità. La mail è un'aggiunta al blog diretta solo a chi la riceve. Ti ho detto che accetto mail solo per fatti tecnici complessi.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  9. Per controllare l'indicizzazione del nuovo blog si usa l'operatore site per una ricerca su Google.
    In pratica devi scrivere:
    site:http://quasiungioco.blogspot.it/


    Non lasciare spazi e attieniti al mio esempio.
    Avrai delle risposte dal webmaster quando tutto sarà a posto.
    Nel nuovo blog controlla se il feed è completo e tutte le altre opzioni Blogger che trovi nel menù a discesa della bacheca.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. Buona Quaresima Lucy!
    Leggi: http://bìt.ly/19uWzdO

    ♥Dani

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Non si apre, riprova così:
    http://bit.ly/19uWzdO

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...