Ai poveri è offerta la beatitudine

9 comments
 
 
 
 
 
 
 



La povertà beata non è una strana ideologia solo perché

Cristo ha mescolato il suo amore alla nostra

infelicissima povertà, nell'unità sostanziale della sua

persona.

Dal punto di vista strettamente cristiano, per quanto

complessi possano essere i problemi posti dal dramma

sociale della povertà e dell'oppressione che affligge

interi popoli, non è lecito barare.

La beatitudine annunciata è esattamente questa:

che ai poveri, per tutta la loro povertà, e per tutte le

forme di povertà comunque espresse, proporzionalmente

a quanto questa povertà è lacerazione dell'essere, è offerta

la beatitudine.

Che tutto ciò debba fondare una moralità e un impegno

e debba quindi diventare anche un progetto, cambiamento,

intervento sociale è ormai entrato nella coscienza della

Chiesa, nonostante alcune sacche di resistenza.


Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

9 commenti:

  1. Ma non è ciò di cui si parlava anche da Guz?^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico con il più bel faccino del web non hai notato che noi siamo coautori di entrambi i post? Siamo fooorti!!! Grazie della visita! Commento dopo....ora vado a vedere il telegiornale della Lombardia!! Arrivederci!

      Elimina
  2. E ora se ne parla anche da Lucia.
    Guz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus. Arrivo a sera stanca e serena. Povertà: povertà d'animo. Una tristezza, ma senti cosa dice il nostro Santo Francesco d'Assisi:
      Certo anche tra i poveri c'erano distinzioni e difatti Francesco pensando ai poveri incontrati, cominciò a vedere che c'erano dei poveri soltanto poveri, molto tristi,sovente arrabbiati e certamente non beati. E c'erano dei poveri beati. Poveri in cui la povertà era un vestito bello. Poveri che avevano la convinzione di essere guidati da Dio, sorretti dalla sua Presenza. Poveri capaci di amare nonostante le angherie subite, pazienti nelle prove, ricchi di speranza, forti nelle avversità. Poveri che erano beati perchè ogni giorno potevano testimoniare che Dio era presente nella loro vita e che provvedeva a loro come agli uccelli del cielo che non posseggono granaio.

      Elimina
  3. Me sa che c'è un po' più di "alcune sacche di resistenza".. ;)

    RispondiElimina
  4. Lavoro vicino al Vicariato, a San Giovanni.. lì soltanto almeno una per piano, per non parlar dell'ultimo (Tribunale di Prima Istanza), .. ;)

    RispondiElimina
  5. Amo i poveri arrabbiati, sono loro ad aver più bisogno di Dio.
    Spero che mi ascolti.
    Baci Lucia.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o