il miracolo di guardare la vita umana così com'è

11 comments



Due anni fa, d'inverno, mi succedeva che improvvisamente cadessi. Non c'erano inciampi o giramenti di testa. Cadevo. Tremavano le mani, anche i piedi, per cui smisi definitamente di guidare. Camminare era diventato faticoso....trascinavo i piedi. 
Infinite le visite da medici competenti. Diagnosi, sempre la stessa: inizio di Parkison. Io restavo tranquilla: se sarà così, bene affronterò giorno per giorno cosa arriverà. Ero proprio tranquilla. Quando in casa c'era Paolo ero al sicuro, quando usciva rimanevo tranquilla sul divano. 
Intanto mi avevano tolto alcune medicine. Mancava un ultimo esame invasivo per controllare l'ipotalamo. Lì c'era o meno la conferma. 
Come ogni domenica mi reco alla S. Messa e scopro che Don Franco farà l'unzione dei malati. Vado in sacrestia e gli parlo dei miei problemi, sorridendo, come sempre, gli faccio presente che l'assicurazione l'avrò solo dopo aver eseguito quell'ultimo esame. Don Franco mi guardò sorridente e mi rispose di mettermi al primo banco.
Momento emozionante. Pregai il mio Dio con tutto il cuore e a Maria, mia madre chiesi solo due cose: la serenità e l'allegria. Mi venne in mente la domanda che Gesù fece a Marta: "Credi tu in questo?"
E rispondendo "Certo" pensai alla resurrezione di Lazzaro.
E poi ripensai sempre a Gesù e le parole che disse alla vedova di Nain: "Donna non piangere!" Ecco il miracolo in queste semplici e significative parole. Non la resurrezione del figlio, (quando la mia Valeria se n'è andata con Lui, non ho pianto. Sapevo che andava a prepararci un posto e a proteggerci qui sulla terra)ma quelle parole "non piangere!" Il miracolo è lo sguardo nuovo con cui siamo invitati a guardare tutto.
Il Parkinson non c'era.

Nuovo, significa Vero. Lo spiega bene il Benedictus che dovremmo dire con le preghiere del mattino. Vuol dire "liberati dalle mani dei nemici, ossia liberi dalla tristezza che a volte ci prende all'inizio di una nuova giornata, dove tutto è pronto:i guai, le piccole soddisfazioni, quella insomma che Peguy chiama "un'anima bell'è fatta."
Il "Benedictus" ci ricorda anche che questa libertà presente e permanente, questo perdono soprattutto, ci sono stati donati dall'inizio della storia:" Così Egli ha concesso misericordia ai nostri padri".
Quella misericordia non è un fatto del passato, ma è la nostra stessa vita. Basta solo essere disposti a seguire la  strada che il Miracolo, cioè la Sua dolce Presenza, ci indica, stare con quella Presenza così come essa si fa presente.




Benedetto il Signore, Dio di Israele,*

perché ha visitato e redento il suo popolo

e ha suscitato per noi una salvezza potente*

nella casa di Davide suo servo,

come aveva promesso*

per bocca dei suoi santi profeti di un tempo,

salvezza dai nostri nemici*

e dalle mani di quanti ci odiano;

così Egli ha concesso misericordia ai nostri padri*

e si è ricordato della sua Santa Alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo nostro padre*

di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore in santità e giustizia*

al suo cospetto per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo,*

perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza*

nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,*

per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell'ombra della morte,*

e dirigere i nostri passi sulla via della pace.

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

11 commenti:

  1. E' un'esemplare testimonianza di fede. Tutti dovrebbero venire a leggere quello che hai scritto.
    La cosa più bella che offriamo nella preghiera al Padre è: "Sia fatta la tua volontà".
    Anche l'accettazione della Croce con la speranza di sostenerla serenamente.
    Un abbraccio Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gus sono sempre io! Hai ascoltato il Vangelo di Oggi? Dov'è il tuo tesoro? Sarà con il mio? Oggi ero particolarmente assorta, sia per le letture che per il Vangelo.
      Io ho l'abitudine di fare il mio offertorio, insieme al sacerdote. Io però gli offro le sofferenze della settimana, le preghiere fatte e il mio piccolo cuore con la mia scarsa fede e soprattutto i miei peccati. Chiedo a Lui di trasformarli in ciò che vuole, l'importante che si manifesti questa Sua volontà. Salomone.....una forza! Bacioni vado a Milano tra pochi minuti! A Domani o, a questa sera se non sarò stanca. Ciao Gus!

      Elimina
    2. Tu lo sai dove sta il mio cuore. Cerca di mostrarti serena con Elena. Lasciala scegliere.
      Un abbraccio.

      Elimina
    3. Penso di sapere dove sta il tuo cuore: vola in cieli azzurri cercando gli Amori che ti aiutano ad essere la persona che sei.
      Domenica sono stata a Milano, prima dalla mia mamma, era proprio bella, coi capelli finalmente tutti bianchi e soffici. Era proprio bella! (/Fino allo scorso anno li tingeva scuri (93anni) perchè mio fratello voleva così, poi anche lui ha capito che la natura è Bellezza. Poi sono stata da Elena, mia sorella!! Cercherò di postare una foto mentre tutti insieme parliamo...serenamente! L'altra Elena, la mia fantastica nipote, attualmente è in Irlanda! Tornerà presto e dopo due giorni parte per il mare con la sua mamma Ada. Ciao Gus. Buonanotte!

      Elimina
    4. Sono contento. Bisognerebbe parlare sempre conservando la serenità e aspettando la risposta che noi non conosciamo.
      Buonanotte Lucia.

      Elimina
  2. Che belle parole d'amore le tue.
    Se ci affidiamo a lui con tutto il cuore ed anche la mente, ogni cosa andrà al suo posto.
    Ciao carissima Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica nostra. Grazie per tutto! Buona Domenica nel Signore!

      Elimina
  3. Serenità e allegria.
    Una richiesta più pura e più esatta non la riesco a immaginare.
    Un abbraccio, Lucia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria grazie infinite per essere passata!| Sono sempre felice dei tuoi commenti. Buona Domenica

      Elimina
  4. Buona domenica nel Signore!♥
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani. Vado a Milano dalla mia mamma, ma specialmente da Elena che negli ultimi giorni aveva una voce al telefono che mi ha preoccupata. Lei dice sempre che sta bene, ma voglio rendermi conto di persona. A ...presto!

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...