Un post un po' strano

8 comments
 
 
 
 
 
 
 
Le cose si manifestano inaspettate. E sono al di là quello che appaiono.
Io non credo che quello che vediamo sia tutto.
L’autobus era affollato. Non c’era posto a sedere per tutti. Qualcuno spingeva, qualcuno si appoggiava, altri si aggrappavano.
C’era un ragazzo che poteva essere mio figlio qualche anno fa. Io l’ho sentito come fosse mio figlio.
Si lamentava con una tristezza sconsolata della voce.
Come se nessuno lo potesse ascoltare.
Il suo lamento era una canzone. Gli ho teso la mano per sostenerlo.
A quel gesto, c’è stato un movimento fra i passeggeri.
Un varco inaspettato si è aperto, ed è emerso, lì fra i tanti, un posto libero che nessuno aveva mai visto prima di allora .
Il ragazzo si è seduto, con un sorriso per me.
Credevo che non l’avrei più rivisto.
Ma un giorno, sul molo di Pescara, ho visto lo stesso ragazzo che ripeteva il gesto di tendere la mano.
A qualcuno, un ragazzo come lui che stava vacillando, col rischio di cadere, in acqua.
Gli ha teso la mano, come avevo fatto io.
L’altro ragazzo ha avuto un attimo di impercettibile sbandamento, poi è ritornato i piedi .
E gli ha sorriso.
Quel gesto, quel sorriso sono passati di mano in mano, di vita in vita.
Quello che mi sta accadendo mi ha dato di più di quello
che mi ha tolto.
Ho conosciuto il significato vero della sofferenza e anche
del sacrificio.
Ma la cosa più grande è questa speranza che cammina insieme con noi.

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

8 commenti:

  1. Immaginavo fosse di Gus.
    Penso anche io che abbiamo sempre di più di quello che ci viene tolto...

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Grazie Gus.
    Come sono belle le mani di chi incontriamo nel bisogno! Hanno forza, grazia e accoglienza.
    Sono il cuore che sa abbracciare, senza abbraccio. Buona notte amico caro.

    RispondiElimina
  3. Bisogna specificare in quale SENSO questa "inGIU'stizia", quando a.C.cade, dà SEMPRE di PIU' di quello che ci VIENE tolto.
    Altrimenti con comPRENDONO.

    RispondiElimina
  4. Perché ci avvicina alla Croce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NO! Anzi il contrario.
      A meno che tu vuoi far intendere ALTRO.
      Io inTENDO SECONDO Mc 10,28-31 e Lc 18,28-30. Invece in Mt 19,28-30 . spiega il dopo di Marco e Luca, cioè il PRESENTE per Matteo.

      Elimina
    2. Non intendo altro.
      Come Francesco che rincorre i segni della Crocifissione di Cristo.

      Elimina
    3. Non intendo infierire su SEGNI che Padre Pio avrebbe voluto evitare. Per me rimangono SEGNI ambigui, per questo MERITEVOLI di sparizione nel momento del traPASSO.
      SATANA nasconde BENE il significato di: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!».

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o