La logica dei viventi non umani

8 comments
 
 
 
 
 
 
L'uomo tutto teso alla ricerca del nuovo, della crescita, del progresso, alla fine non si accorge di aver creato la tecnologia, un mostriciattolo senza etica. Metaforicamente diventa schiavo della tecnologia perché si è spinto troppo in avanti e non può tornare indietro facendo crollare il sistema economico.
Con le sue continue e sorprendenti vittorie, la tecnica ha determinato mutamenti strutturali dei modi di vivere e di pensare con conseguenze, a mio avviso, irreversibili. Si è imposta a livelli tali da destrutturare persone, modificandone fortemente il comportamento.
La logica dei "viventi non umani" ha ridotto il linguaggio a un insieme di simboli astratti, di formule e di segni di valore puramente strumentali e privi di qualunque spessore spirituale. Gli strumenti tecnologici, l’uso indiscriminato e irresponsabile che se ne fa, si sono imposti ovunque e hanno sconvolto la nostra mente, provocando danni di grande rilievo.
Come ha scritto Cifford Stoll: E’ facile parlare di velocità dei computer, di memorie Ram e di novità tecnologiche. Più difficile è gestire la frustrazione che queste cose generano, i loro costi (diretti e indiretti) e i loro effetti collaterali. Che cosa si perde quando si adotta una nuova tecnologia? Chi viene emarginato? Quali preziosi aspetti della realtà rischiano di venire calpestati?.
Altro che Star Trek e fantascienza, qui è l’apocalisse.
 

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

8 commenti:

  1. Io non sono così tragico a riguardo, anche se è vero che la vicinanza tecnologica ci divide e ci aliena.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Molti si affidano in modo esclusivo alla scienza e alla tecnica e non coltivano nel loro intimo la consapevolezza del quotidiano agire di Dio nella storia.

    RispondiElimina
  3. Messaggio postato in automatico. Non rispondere prima del bip.. ahah.. c'avevi creduto eh? Tanto a questo stiamo andando incontro.. una "macchina" posterà commenti che leggeremo (salvo approvazione di un'altra macchina) il giorno dopo... :(

    RispondiElimina
  4. E' giusto essere al passo con la tecnologia, ma avendo la consapevolezza che i contatti umani non sono sostituibili da "macchine" quindi serviamocene per l'utilità comune, ma non oltre.
    Pensate un po' è come stare tutti i giorni con tutte le tapparelle abbassate, e avere la le lampadine accese, ci vedi sì, ma pensa un po', se spegni la luce, ti rimane il buio,prova ad alzare gli scuri, far entrare la luce naturale, vedi e ascolti il mondo!
    Non è paragonabile.
    Ciao August, ciao Lucy, buon pomeriggio!
    Dani

    RispondiElimina
  5. La chiave è, secondo me, cercare di comprendere il funzionamento degli oggetti tecnologici che usiamo, in modo da non esserne schiavi e riuscire, responsabilmente, a gestirli prendendo il buono che hanno e che danno. Che, per inciso, secondo me è tantissimo! Per dire, ci permette di conversare in luoghi come questo... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Potere impone attraverso i mass media determinati comportamenti. Chi cerca di ribellarsi finisce per diventare un emarginato.
      E' un attacco violento alla creatività positiva dei ragazzi.
      Ciao Valeria.

      Elimina
  6. Ciao Valeria! il mio saluto ha braccia aperte per accoglierti in un abbraccio. Buona giornata cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia! Ricambio l'abbraccio di gusto :)

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o