La storia di Zaccheo

11 comments
 
 
 
 
 
Zaccheo, si arrampica su un sicomoro per vedere Gesù.

Zaccheo si arrampica sul sicomoro perché era piccolo di statura.

Gesù gli passa vicino, guarda su dove si era issato e gli dice:

"Zaccheo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua".

Immaginiamo che cosa ha sentito quell'uomo. E' come se Cristo gli 

avesse detto: " Io ti stimo".

Ma quell'incontro non sarebbe vero, sarebbe come se non fosse 

avvenuto duemila anni fa, se non potesse avvenire anche adesso.

Un uomo non può aderire a Cristo se non percepisce che è vero oggi.



 

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

11 commenti:

  1. Il Signore sa benissimo dove mi sono arrampicata. Lui sa tutto, Lui mi conosce, conosce il mio nome e il mio cuore. E mi chiama.
    La chiamata di Cristo fa luce nel cuore, di fronte alla Verità iniziamo a vedere a riconoscere tutti i nostri peccati, e lo Spirito di verità ci spinge a migliorarci : l’amore ai fratelli. “Carissima, -dice Gesù- è necessario che io entri a casa tua”.
    Conviene che io entri. E’ necessario e conveniente per te, per la tua famiglia, per il mondo intero. Tu hai una missione, per la salvezza dei tuoi cari e del mondo intero. Per questo ti chiamo ogni giorno, ogni secondo della tua giornata. Ma dopo questa chiamata è necessario "scendere", l’esatto contrario di quello che facciamo ogni giorno nella nostra vita. Lasciarsi guidare da un Altro. Un altro che ci stava cercando e che incrocia il nostro sguardo.
    Vedendo Gesù che entra in casa di Zaccheo la gente, tutta scandalizzata, pensa: “E’ entrato in casa di un peccatore!”. Ma Zaccheo si converte, cambia vita. Per la prima volta qualcuno gli ha detto: “Io ti amo! Nonostante tutte le tue
    schifezze io ti amo!” e questo sentirsi amato gli cambia la vita: “Ecco, do la metà dei miei beni ai poveri…”. Zaccheo non se ne starà più, solo e triste coi suoi soldi, ma felice insieme ai fratelli, condividendo quello che ha. L’incontro
    con Cristo gli ha cambiato la vita.
    Bene, Lucia. Zaccheo sei tu! E il Signore vuole entrare in casa tua.

    RispondiElimina

  2. Zaccheo è molto conosciuto, quindi non può passare inosservato,ma lui non si preoccupa di esporsi al ridicolo, alle critiche dei “benpensanti”, lui vuole vedere il Signore, e attende il suo passaggio,spiando dall’alto dell’albero.
    Incrociando il Suo sguardo,ne è attratto, ma teme il disprezzo, un rimprovero,
    Ma è Gesù a prendere l’iniziativa entrando nella sua vita

    Davanti a Gesù, Zaccheo decide un cambiamento radicale. Conversione per un ricco significa dire nuovo modo di usare i beni e nuovi rapporti di giustizia sociale.

    L’incontro con Gesù cambia la vita!

    Buon pomeriggio!
    Un abbraccio♥
    Dani

    RispondiElimina
  3. E i tanti Zaccheo che girano per il mondo non sanno che Cristo potrebbe presentarsi e farsi invitare a casa loro.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PreFERISCI che LUCIA cancelli questo e lasci l'ALTRO ...così per pareggiare i CONTI?
      Tu sei il VERO o il falso GUS?

      Elimina
    2. Che domanda!
      Sei stato contagiato dalla gentil donzella?

      Elimina
  4. Zaccheo è Matteo!
    Non può l'evangelista NOMINARSI da SOLO. Nemmeno Giovanni lo FA.
    L'ANGELO mi ha detto che sulla Via per EMMAUS i due SONO PIETRO e Giovanni e mi ha dato degli INDIZI affinchè io posso LEGGENDO ... confermare, ma non è che la FEDE aumenta trovando i TASSELLI mancanti.
    SERVE SOLO A FARTELI VIVERE I VANGELI COME UNO DI LORO.

    RispondiElimina
  5. Mi piace molto la tua ultima frase. Credo che sia il principale motivo per cui sono frenata dal credere in dio. In ogni caso,il significato della storia di Zaccheo è molto bello...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale! Il brano iniziale l'ha postato Gus (Il blog di Gus) un mio condomino!| Coautore di questo blog. Da poco: e ti dirò che mi piace. Non ci conosciamo se non attraverso i commenti miei da lui o lui da me.
      L'ultima frase? Spero che ti risponda lui, altrimenti lo farò io, penso domani. Intanto l'augurio di una serena notte! Vorrei dirti solo una cosa che a me pare carina: quando ero catechista di bimbetti di 7/8 anni, dicevo: quando passate davanti ad una chiesa, entrate e guardando la lucina rossa vicino al tabernacolo, fategli ciao con la mano oppure una strizzatina d'occhio. Il nostro amico Gesù sarà contento anche così, perchè con chi ci ama non occorrono tante parole. Loro erano felici e ti dirò che lo facevano e a volte lo faccio ancora anch'io. Ciao!

      Elimina
  6. Infatti l'evangelista è Luca.

    RispondiElimina
  7. Con l'augurio di una serena notte sorridiamo alla giornata trascorsa ringraziando Dio e.....a rileggerci domani! Baci.

    RispondiElimina
  8. Valeria, la Grazia che è scesa su Zaccheo duemila anni fa può accadere anche oggi. Questa è la certezza del cristiano. Se così non fosse sarebbe puerile credere a chi non è più Presenza, ma solo un personaggio storico, come Napoleone. Ma Napoleone può cambiare la vita di un uomo?
    Ciao.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...