Tutto dice sì

Leave a Comment


Oggi il mio Cielo è azzurro, anche se l'aria profuma di pioggia. Ci sono giorni in cui non succede niente, o quasi. Eppure tirare avanti diventa difficile e faticoso. Ieri, e i giorni precedenti, ero impaziente, taciturna. Compiere i gesti usuali diventava insopportabile. La fronte sempre accigliata. Pregare....era difficile, ma non irrinunciabile. Certo: sopportare se stessi a volte, potrebbe essere un gesto..."eroico"!
Parlare a cuore aperto, liberamente, dicendo le cose come stanno, è molto utile. Ho fatto un tentativo con "Gus" pensando che poi non lo pubblicasse, ma che restasse nella sua mail. E' stato utile lo stesso, perché la saggezza delle persone, che appartengono ad un mondo virtuale, può farti sentire meno sola. Ora so che lo devo ringraziare per ogni sillaba. Grazie Gus. E grazie agli amici che leggendo il mio post un po' "particolare" mi hanno commentato. Un caldo abbraccio a tutti.
Oggi mi piace pubblicare questa poesia dedicata a Colui che nei giorni scorsi mi portava in braccio senza che me ne accorgessi.



Tutto dice di sì.
Sì del cielo,  l’azzurro, e sì,
l’azzurro del mare,
mari, cieli, azzurri
con spume e con brezze,
giubili monosillabi
senza sosta ripetono.
Un sì risponde sì
a un altro sì. Grandi dialoghi
ripetuti si odono
al di sopra del mare
da un mondo all’altro: sì.
Si leggono nell’aria
lunghi sì, lampi
di piume di cicogna,
tanto candidi che cadono,
fiocco a fiocco, coprendo
la terra di un enorme, bianco sì.
Possiamo avvicinarci oggi
a tutto ciò che tace:
alla roccia, all’amore,
all’osso dietro la fronte:
sono schiavi del sì.
È la sola parola
che oggi il mondo  concede.
Affrettati, anima, a richiedere,
a valerti della massima
follia momentanea,
a chiedere quelle cose
impossibili, richieste,
taciute, tante volte,
tanto tempo, e che oggi
chiederemo gridando.
Sicuri per un giorno
- oggi, oggi solamente –
che i «no» erano falsi,
apparenze, ritardi,
involucri innocenti.
E che là dietro c’era,
a maturarsi lento,
al ritmo di quest’ansia
che lo chiedeva invano,
la gran delizia: il sì.
P.Salinas, La voce a te dovuta, XVI
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

0 commenti:

Posta un commento

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...