La farfalla e il fiore

5 comments

 
 
Una volta, un uomo chiese a Dio…
…un fiore…
…e una farfalla.
Ma Dio gli diede un cactus…
……e una larva.
L’uomo era triste poichè non capiva
cosa aveva sbagliato nella richiesta.
Allora pensò: “Con tanta gente che aspetta…”
…e decise di non domandare più niente.
Passato qualche tempo,
l’uomo ripensò a quanto aveva ricevuto.
Con sua sorpresa, dallo spinoso e brutto cactus era nato il più bel fiore.
E la orribile larva si era trasformata in una bellissima farfalla.
Il tuo cammino è migliore di quanto pensi,
anche se ai tuoi occhi appare forse difficile.
Se hai chiesto una cosa e ne hai ricevuto un’altra,
abbi fiducia.
Non sempre quello che desideri
è quello di cui necessiti.
La spina di oggi…
sarà il fiore di domani !


Pubblicato in "storie per l'anima" Grazie
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

5 commenti:

  1. Sai una cosa, Lucia?
    Il cactus è la mia pianta preferita! :)

    In ogni caso... è vero, tanti non sanno aspettare e vogliono chissà cosa e subito. E sono tristi.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Ciao Miki: Sai che ho risolto tutto! Eh, mi sono fatta aiutare!!!Un abbraccio e buon resto della giornata-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miki:l'ansia è la causa dei mali di oggi. La vita si è complicata, nella vita dell'ieri ci si accontentava di quello che avevamo (poco, pochissimo) e si sognava molto. Ah nel duemila chissà quante cose ci saranno! Invece siamo più poveri anche nel cuore.
      Belli i fichi d'india...e...pungono! Ciao e buona domenica a te dal cuore grande!

      Elimina
  3. Io penso sempre che tutto quello che mi capita è sempre per il mio bene.
    Mi succede da tanto.
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una persona che sa abbandonarsi al volere di Dio. Magnifico! Buona domenica in un abbraccio.

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o