Orgoglio ferito

17 comments



Come ogni giorno, Paolo, il mattino presto, si reca a fare la spesa. Inutile fargli l'elenco    di ciò che mi serve: lui lo sa (o pensa di saperlo e io mi arrabatto con quello che compera)Non bisticciamo. Ieri salita su di una sedia per prendere la bottiglia della passata, pensavo proprio, adesso arriva Paolo e mi sgrida dicendomi, "ma non potevi aspettare me!". Invece suona il telefono. Era Enrico che mi annunciava che aveva portato il babbo al Pronto Soccorso. "tranquilla mamma siamo qui io e Ada. E' inciampato e cadendo si è fatto male al naso. Lo stanno visitando". Erano le 11 sono arrivati a casa quasi alle 14.
"6 punti, un bel taglio sulla gamba e tanto spavento". Riposo e ghiaccio sulla ferita. Per almeno tre giorni. 
 
Questa è la cronaca di ieri.
 
 A casa io non ho contato i minuti che passavano senza avere notizie, ma ho pregato. In continuazione. Noi tutti siamo persone dal cuore inquieto. Quando ci sentiamo in pericolo ecco che il nostro pensiero vola al Padre. Ed Egli ci viene incontro semplicemente e ci attrae nella Sua orbita d'Amore. La nostra vita è una via difficile, quasi sempre in salita, con molti sassi, molta polvere, molto sole e molta pioggia. Una strada faticosa insomma, tanto più faticosa quanto più Egli ci ama.
Spesso mi sono rivolta questa domanda: " Come farei senza Paolo? Proteggilo Signore!"
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

17 commenti:

  1. Tanti auguri di pronta guarigione per il tuo Paolo.
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
  2. Ohoo il mio Paolo... però ieri quando mi hai raccontato,lo immaginavo peggio, digli che si presenta bene uguale!
    Un bacio a tutti e due♥♥
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani è tutto indolenzito...Oggi è uscito...Soffriva troppo a stare in casa! Ma va abbastanza bene! Ciao!

      Elimina
  3. Buongiorno Lucia. Mi ha colpito questa frase :"Una strada faticosa insomma, tanto più faticosa quanto più Egli ci ama.". Ne parlavamo insieme io e te, al telefono pochi giorni fa, condividendo la fatica del percorso. All'inizio del cammino me lo aveva preannunciato il Sacerdote. Ma io non ancora riesco ad accettare che le Sue carezze facciano male.
    Oggi vado a Roma per un consulto. Gianni guida con un occhio solo( la prima volta che ci allontaniamo tanto da quando è successo). Speriamo che rallenti. Con le tue parole prego
    " Come farei senza Gianni? Proteggilo Signore!"
    Ciao. Un augurio di pronta guarigione a Paolo e un abbraccio forte ad entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguri per il viaggio e per il responso del medico. Fammi sapere! Non sono le Sue carezze che ci fanno male ma la nostra pelle che a volte è troppo irritata. Abbracci anche a Gianni Caro.

      Elimina
  4. Sicuramente un fastidio con questo caldo ma... dai, alla fine è successo e lo si accetta...

    ...auguri di pronta guarigione anche da parte mia!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Moz! Con noi non ci si annoia mai! Forse quando siamo nel "monotema" che amiamo! Ciao! Qui spira un venticello che fa sbattere le porte...arriverà la pioggia?

      Elimina
  5. E se non lo avessi mai CONOSCIUTO?
    CHI ha fatto in MODO che a.c.CADESSE tutto questo?
    Non sai CHE qualsiasi COSA nasca in questo mondo è destinata a MORIRE?
    TUTTE le COSE.
    Per MOLTI siete DUE "COSI", ma non per CHI vi ha FATTO incontrare.
    Non hai preGATO per AVERLO?
    E per quanto?
    Tu che dici che il miei comMENTI non sono attinenti al tuo POSTo.
    Vabbè, ne scrivo un altro. Mandandoti l'ALTRO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di chi parli di Dio e del mio Paolo? Una vita triste in entrambi i casi.
      I tuoi post non vanno bene quando usi parole...che non oso chiamare educate!!

      Elimina
    2. A me non piace il VERBO "educare", se non conosco il FINE.
      Spesso veniamo educati ad una vita di schiavitù e non di libertà BUONA.
      I malvagi sono schiavi del loro MALE. Non posso dire per i BUONI che non servono il BENE, ma lo AMANO.
      Tu pensi che i malvagi amano il loro male?
      Però con te non posso spingermi oltre.
      Mi sono rattristito.
      Passerà.

      Elimina
  6. COME FARESTI senz ail SIGNORE?
    Non fu "FOR(x)-SE" EVA a CADERE con il SERPENTE?
    Non gli bastava A.D.AMO?
    Di certo ad A.D.AMO non gli bastava il creato.
    ME DITA su quanto ti dico perchè MOLTE PAROLE non sono riportate perchè lo sa solo la DONNA e DIO.
    E' sempre ANDATO COSI'.
    Altro che femminiciDIO.
    Il VOSTRO DIO ha un debole per le DONNE, che siano racchiuse da carne maschile o femminile ... poco IMPORTA a LUI.
    A LUI BASTA che RESPIRATE il SUO SPIRITO.
    Devo farne un altro di comMENTO?
    Perchè HAI paura di me?
    Io VI VOGLIO ENTRAmbi.

    RispondiElimina
  7. Angelo....Guarda che non ho paura di te, ma sono sempre perplessa su quello che scrivi!!! Buona giornata-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FrancaMENTE adESSO ha un po' esagerato, ma comunque avrei preFERITO più che avessi paura che rimanere perPLESSA.
      Cercherò di lasciarti in PACE, ma nonostante mi allontani ... sento una specie di attrazione VERSO quello che SCRIVI.
      CIAO

      Elimina
    2. Nonostante la mia vita sia un po' movimentata io sono serena e in Pace (Vi lascio la Pace, vi dò la mia Pace...)Arrivederci! Qui è arrivata un po', ma proprio un po', di pioggia!

      Elimina
    3. UltimaMENTE il CIELO è diVENTAto PIAGNUcoloso.
      SUcCEDE sempre così.
      Vorrei tanto conSOLArti ma SONO coSTRETTO SOLO a GUARDArti.

      Elimina
  8. Caspita che avventura!
    Anche mio zio Claudio è caduto, ma dal letto, settimana scorsa. E si è rotto il naso, e la faccia tutta tumefatta. È dovuto restare in ospedale una settimana. L'ho visto l'altro giorno, aveva ancora la faccia gonfia e gli occhi rossi di sangue e il naso bendato.
    A Paolo è andata bene quindi.

    Mio zio ha avuto tutto quel danno mica perché dorme su un letto alto alto. Noo. È perché mio zio sarà almeno 3 volte Paolo. O 4. Per intenderci quando hanno comprato la stufa nuova mio zio l'ha presa sotto il braccio e l'ha portata giù per le scale.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o