La peccatrice profumata

14 comments


 
Il Signore conosce tutto: la Sua attenzione per la peccatrice,(in cui il Vangelo di domani  accentra l'attenzione) non gli impedisce di guardare contemporaneamente al fariseo e di seguire ciò che avviene in lui. Il fariseo rimaneva scialbo, neutrale: in casa sua c'era l'estraneo, ma più per essere osservato che per essere amato.
La donna non ha con sé né acqua né fazzoletto, eppure l'una e l'altro le sono messi in mano dal suo amore contrito. Ella porta con sé la sua colpa e la speranza nel Signore.
Il fariseo non ha osato dare il bacio di benvenuto al Signore: il bacio della pace e della gioia. Lei lava, asciuga, profuma e bacia,  incessantemente i piedi del Signore, per completare la sua piena umiliazione, per mostrare che non conta niente, anzi che non conta nulla.
A lei basta amare e per lei la speranza sorgerà solamente dall'amore del Signore.
E' infatti l'amore che permette di perdonare.
Dove si incontra molto amore, si perdona molto. La peccatrice si differenzia dal fariseo non solo per il fatto che lei ha peccato e il fariseo no, ma anche per il fatto che lei ha amato e lui no.
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

14 commenti:

  1. Se non si riconosce il proprio peccato .. in VERITA' non sarà RICONOSCIUTO CHI può rimetterlo.
    La PECCATRICE aveva riconosciuto dove aveva sbagliato e per questo TAGLIA i CAPELLI e li usa come asciugatoio per le SUE lacrime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, tutto questo dove lo hai letto? Ciao!!

      Elimina
    2. Me lo ha raccontato CHI ha visto il SUO ... LETTO.

      Elimina
  2. Bella questa riflessione Lucia, grazie!
    'notte!♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani. Oggi soffoco! Paolo è caduto...Pronto Soccorso e sei punti sul...naso!Povero distrattino mio!!

      Elimina
  3. A volte è dura riconoscere i proprio peccati.
    Ma... che bello peccare! XD

    Buona domenica :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è farlo con allegria senza coinvolgere persone amabili! Ciao!

      Elimina
    2. Chi te lo dice?
      Il tuo amabile?

      Elimina
  4. CHISSA' quanto si faceva pagare per far SFOGARE il MALE PRIMOrdiale negli uomini.
    (dedicato a tutte le "proIstitute" MALtrattate, uccise e tagliate a PEZZETTINI).
    Di certo LORO si sono salvate ... ma ANCORA chi deve scontare ANCORA la PENA ... a PEZZETTONI.

    Quell'UOMO che AMAVA COME UNA DONNA entrò in CASA di quella donna e la malvagità di pensiero DEI MASCHI lo misero alla prova con la LEGGE di MOSE' contro l'adulterio.

    Non importa la LEGGE che si sceglie per GIUDICARE perchè sarà PRESA anche per giudicare il giudice o l'accusatore.
    OCCHIO per occhio ... dente PERDENTE!
    Solo chi mi dimostrerà che il MIO OCCHIO era ORBO e il mio dente CARIato IO perdonerò il MIO VELENO per farne ANTI-DOTI.

    RispondiElimina
  5. Angelo faccio fatica a seguirti! Buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LO SO.
      Ma IO proVOCO anche UNA MADRE.
      Lascia perdere l'AUGURIO del DOPOmeriggio.
      Il CAZZO8 sul naso preferirei averlo IO che VEDERLO dare sul MIO AMATO, per colpa di un MIO TRAdiMENTO.
      Ogni nostro sbaglio lo subisce sempre l'AMATO, come in CIELO così in terra.

      Elimina
  6. Angelo: ci sono altri tuoi commenti. Mi spiace, ma non li pubblico. Ci sono parole che stonano nel mio blog. Ritorna la persona serena e dolce di qualche post fa. Buonanotte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace ma sono stato costretto per capire la tua fatica a seguirmi.
      Hai fatto bene a non pubblicarli. Erano troppo PRIVATI.

      L'importante che per te non stona:
      L'importante è "PECCARE" con allegria senza coinvolgere persone amabili!

      Io resto sempre in BUONA FEDE ... anche quando rimprovero.
      Tu fa quello che VUOI.

      Elimina
    2. Va bene. Buona giornata.

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o