La vita del Papa (con parole sue)

11 comments

"Sono Jorge Bergoglio, prete. Una confessione mi cambiò la vita, fu lo stupore di un incontro con Qualcuno che ti sta aspettando. Dio è Colui che ti anticipa e il fatto religioso è ciò che ti porta verso Cristo. Entrai nei gesuiti per essere in prima linea e perché erano missionari. La vocazione è misericordia e scelta, l'iniziativa è di Dio. Anche la preghiera è lasciarsi guardare da Dio. O la Chiesa è missionaria o non è, e muore di autoreferenzialità autistica. Non deve togliere precetti per rendere più facile la nostra adesione, deve scendere in strada a incontrare la gente. Vedo spesso una Chiesa che amministra la fede, vorrei una Chiesa che trasmette la fede. I laici sono una risorsa, diventano un problema quando vogliono clericalizzarsi. Invece per andare incontro alla gente, basta il Battesimo. Non dobbiamo permettere che le ideologie predomino sulla morale, sottolineare solo il negativo e ciò che  ci separa non è cristiano, Cristo ha accettato tutto e viene redento solo ciò che si accetta. La fissazione sessuale è una riduzione morale-catechetica dell'annuncio: la fede è l'incontro con Gesù. C'è chi crede di essere giusto, di seguire la catechesi e rispettare la fede, ma non prova l'esperienza di essere SALVATO. Solo noi grandi peccatori abbiamo questa grazia, perché il peccato è il luogo privilegiato dell'incontro con Cristo, cui apparteniamo.
La nostra mancanza di identità è mancanza di appartenenza."
 
Questo in sintesi, con parole sue, il cuore del libro-intervista al cardinale Bergoglio tre anni prima che diventasse Papa: se potete leggetelo!
 
Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

11 commenti:

  1. Molte parole ben dette, ora appetiamo i fati.
    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Omar ma non possiamo amare per il solo fatto che è un uomo e che è anche il Papa!Fidati!

      Elimina
  2. Vorrei leggere, prima, sui giornali qualcosa di grandioso fatto da questo Papa XD

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Ci sono gesti semplici, umili che dicono tutto di una persona.E ciò mi basta: voler tenere le sue vecchie scarpe. Non volere la croce d'oro. L'anello d'oro. Abitare con gli altri sacerdoti o vescovi, perché la sua stanza è troppo grande...scendere dall'altare per incontrare le persone della piazza...
    Il resto verrà poi!Amiamolo e preghiamo per lui.Ciao Moz!

    RispondiElimina
  4. Lo leggerò sicuramente, io già l'amo Papa Francesco, so che riporterà alla fede tanti uomini,questa sarà un fatto grande!
    La sua testimonianza già produce frutti.
    Un abbraccio grande,♥ci sentiamo domani pomeriggio?
    Ti racconterò....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dani alle quattro e mezza vado dal Roberto a fare l'agopuntura. Poi sono a casa. Meglio il mattino. Ciao e 'notte!

      Elimina
    2. Dani, non mi ricordavo più che oggi è il "tuo" mercoledì. Baci

      Elimina
  5. Ciao cara Lucia, credo che questo Papa abbia intrapreso la strada con la gente, verso la gente, in mezzo alla gente...come un buon pastore.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un'omelia ha proprio detto che i Sacerdoti devono odorare di pecore!Notte carissima come stai?

      Elimina
  6. Si, anche di capra, e non solo i sacerdoti!

    RispondiElimina
  7. Ho messo la moderazione per evitare che certe persone,mi disturbassero con frasi che non hanno senso, ma inutile.Tanto vale che le leggiate anche voi, valutando così le persone che le scrivono per quello che valgono.....
    Io so di avere un Padre che mi accarezza e mi dice "fidati di me". Questa certezza non mi toglie nessuna fatica e nessuna preoccupazione, ma rende lieto tutto ciò che accade.

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o