Ricordo d'infanzia (Anonimo)

14 comments
 

Ricordo d'infanzia

ricordo che, quando ero bambina
v'era una giornata particolare
e mia nonna, in viso adombrata
soleva dal suo comodino prendere
una foto sbiadita e porla in vista
sopra il cammino,
adornarla di fiori ed accendervi vicino
un lumino.

In silenzio, poi si sedeva,
col rosario in mano pregava
e per ore ed ore piangeva.
Finchè fui piccola, non mi fu data
una spiegazione
fino a quando, cresciuta
in età della ragione,
mia nonna mi svelò
chi fossero quei due sposi sorridenti
nella sbiadita foto:
sua sorella e l'amato marito.

Lui era ebreo, lei cristiana,
uniti nel nome dell'amore
osarono sfidare
le razziste leggi del regime
unendosi in matrimonio.
Ma la Gestapo e la Milizia
informati da anonima segnalazione,
per porre fine alla scandalosa situazione,
li arrestarono e li portarono
alla stazione,
Auscwitz la loro destinazione
e lì morirono tra mille tormenti,
bruciati nel forno crematorio,
dispersa la loro cenere ai venti.

A nulla valsero i tentativi
della famiglia, degli altri parenti,
si vendettero proprietà,
terreni per comperare la loro libertà,
ma nulla si potè fare
e quando mia nonna arrivò alla stazione
le dissero che il treno era partito
per l'amara destinazione.
Quel giorno che la triste storia
mi fu svelata,
mia nonna mi fece giurare
di tenerla sempre viva nella memoria
ed ai miei figli tramandare
il ricordo
per non dimenticare
affinchè simili orrori, la guerra
mai più si ripetessero sulla terra.



Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

14 commenti:

  1. Ciao Lucia, credo che il modo giusto per apprezzare l'importante storia di vita che ci hai raccontato sia il silenzio e il ricordo.
    Ciao, buona domenica.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un silenzio di preghiera per amare il ricordo. Grazie Anto e abbracci

      Elimina
  2. Ricordiamo....
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  3. Questa tragedia non va dimenticata, e neppure paragonata, come fanno alcuni, ad altri tristissimi eccidi. Oggi si ricorda l'olocausto. Anch'io ho messo un post sulla Shoah.
    Il racconto che hai postato deve essere tramandato, non per odiare chi ha commesso simili crimini, ma perche' l'uomo non giunga più a simili aberrazioni. La storia, se conosciuta dovrebbe insegnare. Buonanotte cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giovani di oggi fanno fatica a capire! "Ma...non sono cose vere!? Nonna, non dirmelo più, mi fai star male!" e cambia stanza!
      Abbracci Saray

      Elimina
  4. E' giusto parlarne, ci sono cose che non si devono dimenticare, è doveroso spiegare da subito anche ai bambini nei giusti termini, cos'è l'intolleranza e la discriminazione e a che cosa può portare.
    Grazie Lucia per averci ricordato questo pesante oltraggio all'umanità con questo tuo post. Quello che l'uomo è riuscito a fare al proprio simile non ha parole.
    Buona Domenica!
    Un grande abbraccio.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosella! Un grande abbraccio!

      Elimina
  5. Sono storie vere, reali, di dolori e di separazioni, di un Uomo che smarrì la coscienza in modo totale, di cui molti oggi vogliono addirittura negarne l'esistenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se leggi Etty Hillesum, nella tristezza ti regala tanto amore! Ciao Ric!

      Elimina
  6. Il racconto reale di un periodo triste della nostra storia. E' necessario auspicarne la non ripetizione.
    P.S ho letto della tua salute, mi dispiace cara e ti auguro di cuore che tutto vada per il meglio. Baciobacio amica mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho chiesto al Signore la serenità! Un po' è arrivata! Baciobacio!

      Elimina
  7. Mi unisco a AnnaMaria nel mandarti tanti abbracci e sinceri pensieri positivi per la tua salute. Augurandoti che Qualcuno ascolti le nostre preghiere. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fiorella! Insieme si prega meglio! Abbracci

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...