La Brughiera di Rainer M. Rilke

27 comments
Un'ora sul confine del giorno,
e la terra è a tutto preparata.
Ciò che ardentemente vuoi, anima mia, puoi dirlo.
Sii brughiera; e tu, brughiera: sii vasta.
Abbi antichi, antichi tumuli,
che si innalzino ma appena si distinguano
quando va la luna sulla piana
terra già dimenticata da gran tempo.
Silenzio, datti un volto. Dallo.
Alle cose (è l'età per loro, della fanciullezza,
e saranno pronte al tuo comando).
Sii brughiera, sii brughiera, sii brughiera,
e verrà, chissà, quel vecchio ancora
che a fatica io distinguo dalla notte,
e porterà la sua grandiosa cecità
nella mia casa in ascolto.
Lo vedo, siede e pensa,
a nulla che sia al di sopra di me, nè fuori di me;
per lui, tutto è già dentro:
cielo, brughiera e casa.
Solo i canti, per lui, sono perduti,
e mai più li inizierà:
da mille e mille orecchie
li hanno bevuti il tempo e il vento:
dalle orecchie dei folli.
Eppure: così mi appare,
come se ogni canto in me per lui,
profondamente trattenessi.
Tace, lui, dietro la barba tremolante,
e vorrebbe tornare ad ottenersi
nelle proprie melodie.
Eccomi: arrivo ai suoi ginocchi:
i suoi canti, in lui, di nuovo:
scorrono, scosciando.




Agli amici e care amiche che mi hanno fatto compagnia auguro buon fine settimana!
Io per un po' "vado in vacanza"
Abbracci a tutti!



Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

27 commenti:

  1. Antonella un bacio grande! Buona Domenica nel Signore

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Lucia vai tranquilla, lei secondo me è incolpevole, colpevole è chi ha insinuato i dubbi, questa persona la ritengo colpevole delle tue insicurezze, in un momento così delicato per te!
    Ciao bacione!

    RispondiElimina
  5. Buona partenza e buon ritorno. In canto.

    RispondiElimina
  6. Ciao cara Lucia, io spero che questo tempo di riposo possa aiutarti. Spero anche che tu possa tornare presto a postare. Il tuo è un blog di pace e serenità, che regala dei momenti di riflessione..c'è bisogno di questo oggi. Ti abbraccio cara :)

    RispondiElimina
  7. Carissima Lucia, vai per la tua strada, rilassati e stai tranquilla, qui e' un angolo di serenità che hai costruito come dice Saray, noi ti aspettiamo per respirare sempre quella infinita pace che inno da il tuo blog. Un abbraccio forte forte #^_^#

    RispondiElimina
  8. Sono felice che ci siano amici VERI che la pensano come me. Il tuo blog come oasi di pace e tu fonte di riflessioni d'amore. Torna presto cara amica, non dimenticarti di chi ti vuole veramente bene. Baciobacio

    RispondiElimina
  9. Ciao Lucia.
    Che il Signore sia sempre con te.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Buona domenica dolce Lucia, il Signore ti darà sempre il suo aiuto e la sua serenità che ti arriverà dentro il tuo cuore....come sempre e' stato con te...perché tu in questa tua casetta si respira veramente l'aria serena e pulita della tua anima. Abbi sempre quella dolcezza, amore, perseveranza e umiltà che ti contraddistingue. Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi unisco al pensiero di Fiorella. Sacrosante parole! Grazie Fiore per averle scritte. Un baciobacio ad entrambe

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. Lucia, buona domenica nel Signore!♥

    RispondiElimina
  14. Serena domenica cara Lucia! Un abbraccio a te *_*

    RispondiElimina
  15. Grazie, Lucia, per questo nuovo incontro con Rilke!
    Benché propensione di questa nostra contemporaneità sia il mettere in piazza se stessi (più nei difetti che nelle qualità) io ho titubanze quando squaderno la mia rilkite acuta; eppure da più di mezzo secolo mi compiaccio di patirne. Talvolta mi cruccio con questo amico Rainer, che non mi lascia tempo per altri poeti pur meritevoli e belli.
    Tu riprendi il canto con il quale si chiude il Libro della vita monastica, il primo del Libro d’ore, dove il poeta s’inginocchia accanto all’Antico di Giorni, per chiedere avallo alla propria decisione di andare.
    Io vorrei aggiungere il canto del commiato dagli altri e da se stessi, quello del Libro del pellegrinaggio, il canto di chi inizia l’interminabile viaggio verso il senso dell’esistere.

    Talvolta uno, nella cena assorto,
    si alza ed esce e se ne va, viandante,
    perché una chiesa c’è, verso levante...

    Benedetto è dai figli, come un morto.

    E chi in casa morì, l’abita poi;
    sul desco, nella ciotola dimora.
    La chiesa, adesso, è meta ai figli suoi,
    quella di cui perdé memoria, allora.

    Se lo accetti, ti invierò, dove m’indicherai tu, la mia traduzione del Libro d’ore; anche la traduzione è un individuale pellegrinaggio lungo l’interminabile via del conoscere l’altro e se stessi.

    Auguri di non guarigione a tutti i malati di rilkite.

    marmar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe molto conoscere la tua traduzione del libro d'Ore. Vedremo come fare! Grazie!

      Elimina
  16. Buon pomeriggio cara, un baciobacio sempre

    RispondiElimina
  17. Hai postato un'immagine stupenda!
    Ciao bella!♥

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  19. Lucia , domani vacanzina,e un pensiero per Ada.
    Ci sentiamo ✆
    Bacio, 'notte!
    Dani

    RispondiElimina
  20. Carissima Lucia, ti vogliamo tutti bene, non ti preoccupare, tornerà il sereno e ci delizierai ancora con i tuoi pensieri e le tue preghiere.
    Un grandissimo abbraccio!
    Per qualunque cosa conta su noi. Per te ci saremo sempre.
    CIao!

    RispondiElimina
  21. Come chi mi ha preceduto, cara e dolce Lucia, noi siamo qui ad aspettarti a braccia aperte, e ti pensiamo sempre con tanto tanto affetto. Un bacione.

    RispondiElimina
  22. Ciao cara Lucia, spero che tu possa tornare presto. Ti abbraccio e ti ricorderò stasera nelle preghiere. Baciotti :)

    RispondiElimina
  23. Bellissima la poesia che hai riportato nel blog.
    Ti auguro buone vacanze
    Giorgio

    RispondiElimina
  24. L'attesa è la parola che meglio definisce questo mio silenzio.
    E' una parola che osteggia la parola preoccupazioni. La salute in primo luogo. Da Natale le mie gambe fanno capricci.Non mi sostengono come, da brave, hanno sempre fatto. Dopo varie visite i madici hanno parlato di Parkison. Ma non è ancora la parola definitiva. Nel mese di marzo devo sottopormi ad una scintigrafia e...poi penseremo il da farsi. Ringrazio tutte voi che siete state tanto care, sostenendomi con frasi che toccano la fibra del mio cuore. Normalmente non prego per me ma in questi giorni mi sono sentita dire "Non so da che parte sto andando, non so cosa mi aspetta, Tu prendi in mano la mia testa, ho bisogno di capire, ho bisogno di Qualcuno che mi ascolti." Grazie a tutte voi mie care amiche e a presto!

    RispondiElimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o