Ricordo Giovanni Testori in "Tracce"

6 comments

Non sbaglierà, nonostante tutti gli errori,
chi avrà voluto bene alla realtà, ossia alla
Creazione. Se vuoi bene alla Creazione,
puoi anche scrivere o dipingere le cose più tremende:
esse sono già salvate dal Creatore fatto carne.

Giovanni Testori, scrittore, poeta, drammaturgo è stato uno dei più grandi e controversi intellettuali italiani del Novecento. Tenuto alla larga dai salotti culturali, estromesso dalle antologie scolastiche, ignorato dalle università per le sue posizioni estremiste, anarchico, omosessuale per pubblica ammissione, Testori è stato il maggior drammaturgo italiano del dopoguerra e uno dei più importanti critici d'arte: a lui si deve la rivalutazione critica della pittura lombarda del Cinque-Seicento, oggi universalmente ammirata.
Nel 1978, il più grande statista italiano,Aldo Moro, si trovava prigioniero delle Brigate Rosse, Testori dalle pagine dei giornali osava parlare di Dolore e di Perdono! E questo affascinava il pensiero di tante persone cattoliche. Io mi sono commossa leggendo "Interrogatorio a Maria" recitato dal Teatro dell'Arca di Forlì che rappresentò l'opera a Novara nella Cattedrale di San Gaudenzio.
C'è una frase di San Paolo che dice "Vagliate tutto e trattenete ciò che vale"
Giovanni Testori è morto nel 1993, il 16 marzo, le sue opere resteranno a testimonianza di una vita ricca di passioni culturali.

Post successiviPost più recente Post precedentiPost più vecchio Home page

6 commenti:

  1. L'intellettuale è colui che, in un corpo a corpo tra esistenza e idealità, rischia un giudizio storico calato nella vita del proprio Paese.
    Un giudizio che quando è autentico confina l'intellettuale in una scomoda solitudine.

    Intellettuali sono stati Gobetti, Gramsci, Testori e Pasolini.

    Ciao Lucia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho mai letto Pasolini:i suoi film mi spaventavano per la crudezza delle immagini, mentre io ho sempre cercato la poesia in tutto ciò che mi riguarda. Ho parlato in un tempo al passato; ora sarei pronta: vedrò! Grazie Gus. Buonanotte.

      Elimina
  2. Molto interessante il tuo post, mi fa venir voglia di conoscere meglio Giovanni Testori. Un caro saluto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Saray! Grazie della visita! Ho scoperto Testori parecchi anni fa. Mi piace anche se a volte richiede un certo impegno intellettivo che io non ho. Tu senz'altro sì.Buonanotte.

      Elimina
  3. "Interrogatorio a Maria" mi è piaciuto moltissimo, non ricordo se era l'anno 1982 o '83.

    Ciao Lucia Buonanotte♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono quasi certa che eravamo nel 1981. E' stato veramente molto bello. Quattro attori (compresa l'attrice che impersonava Maria) erano venuti a mangiare da me e avevano soddisfatto tutte le domande che ci sollecitava il cuore!Bei tempi, eh sì!

      Elimina

Grazie amico/a mia. Grazie se hai letto tutto e ti decidi a scrivere un commento. qualunque sia la tua risposta, scrivi.
Però non amo gli insulti volgari o le parolacce
Arrivederci sarai sempre la benvenuta/o