sabato 20 novembre 2010

EHLERS DANLOS (sindrome)

ehlers-danlos1


Di fronte alle cose che non vanno come dovrebbero andare, qualcosa in me dice: "Questa non ci voleva" e il giudizio si ferma lì.
Da tempo Ada aveva dolori in tutto il corpo. Quando aveva18 anni abbiamo interpellato tanti medici, per le sue ginocchia: nessuno trovava qualcosa d' importante. Diceva, uno dei migliori, "ha i legamenti "lassi"" ma tutto finiva lì. Ora, da un anno a questa parte, una dottoressa di Milano, affetta anche lei da questa sindrome, l'ha visitata e abbiamo scoperto che è "Ehlers Danlos" . Una malattia congenita. Rara. Con decorso progressivo. Non curabile se non con analgesici. Non mi sono fatta domande.
Ieri, sempre Ada, ha preso una storta: frattura di un osso del piede, che non so come si chiama. Gesso. Un mese di degenza.
Non sarei onesta, con tutto quello che mi accade, se non vi dicessi che mi sono domandata: "Chi sei Tu, che ti riveli qui, adesso, in questa sofferenza, in questa contrarietà, in questa malattia, in questa situazione che non vorrei?" E' un Tu che mi fai! E' una Presenza che mi viene incontro.
Capisco che devo amare quello che mi accade, ma Signore, questo proprio non ci voleva!